Un francobollo per celebrare lo psichiatra Franco Basaglia

Franco Basaglia ha segnato una svolta importantissima nella storia della salute mentale. A lui dobbiamo la Legge 180.

E’ di oggi la comunicazione ufficiale da parte di Poste Italiane che verrà emesso un francobollo per celebrare lo psichiatra e neurologo Franco Basaglia, nato nel 1924 e morto nel 1980.

Sarà il Ministero delle Imprese e del Made in Italy ad emettere questo speciale francobollo in occasione del centenario della nascita del medico. Avrà il valore di 1,25 euro e saranno disponibili 250.020 esemplari. L’immagine che verrà posta su questi francobolli è quella del ritratto di Franco Basaglia.

- Advertisement -

A lui dobbiamo l’approvazione della Legge 180 che è quella che impose la chiusura dei manicomi e che regolamentò per la prima volta il trattamento sanitario obbligatorio in materia di salute e igiene mentale nell’ambito del servizio pubblico. Grazie alla Legge 180, e quindi dobbiamo essere grati al Prof. Basaglia, il nostro Paese è stato il primo al mondo ad eliminare la figura dell’ospedale psichiatrico.

Gli studi compiuti da Basaglia hanno portato anche l’opinione pubblica alla consapevolezza che determinate problematiche non vanno soppresse o nascoste, bensì curate.

- Advertisement -

Nell’anno 2001 l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) ha riconosciuto e dichiarato nel suo Rapporto Mondiale sulla Salute Mentale la validità della preziosa eredità lasciataci da Basaglia.

In questa occasione, infatti, l’OMS ha definito il percorso compiuto dallo psichiatra italiano “modello fondamentale per l’evoluzione dei sistemi di salute mentale in tutto il mondo“.

Elisabetta Beretta
Elisabetta Beretta
Ho un diploma di Perito Aziendale e Corrispondente in lingue estere e un background da studio commercialista, dove ho lavorato per 27 anni in Italia occupandomi di dichiarazioni dei redditi, bilanci ed ero la responsabile finanziaria dello studio. Ma ho sempre amato scrivere. Nel 2021 ho cominciato a predisporre contenuti di vario genere come ghostwriter. Nel 2022 ho deciso di avere bisogno di un cambiamento radicale: mi sono licenziata e sono partita per l’Andalusia dove sono attualmente residente.