Un intervento chirurgico per prevenire la cecità: un nuovo studio

Arriva lo stenting: una nuova procedura che sembrerebbe essere efficace

L’ipertensione intracranica idiopatica (IIH) aumenta la pressione intracranica intorno al cervello causando cecità. Gli scienziati non sono sicuri di cosa causi l’IIH, perché la pressione si accumula senza la presenza di tumori o malattie. Poiché il meccanismo è tuttora sconosciuto per l’IIH non è ancora stato sviluppato un trattamento. Ma ora i ricercatori dell’Università di Birmingham stanno conducendo uno studio clinico che potrebbe identificare la migliore opzione di trattamento chirurgico per prevenire la cecità nei pazienti con IIH.

L’IIH è una condizione relativamente rara. Di solito è associata al sovrappeso. In effetti, l’IIH può essere gestita perdendo peso. I sintomi includono mal di testa, acufene pulsatile, dolori alla schiena e al collo e, naturalmente, perdita visiva. Ci sono alcuni farmaci disponibili. Tuttavia, se l’IIH non viene trattata può portare alla cecità, che a volte può essere prevenuta con un intervento di stenting del seno venoso uditivo o interventi chirurgici con liquidi cerebrospinali. Quale di questi due interventi chirurgici è l’opzione migliore? Gli scienziati semplicemente non lo sanno: non ci sono studi in questo settore.

- Advertisement -

Ed è quello che faranno gli scienziati ora. Hanno fino a 138 pazienti con IIH con rapido deterioramento della vista che partecipano a questo studio. I ricercatori cercheranno di determinare quale procedura chirurgica è la migliore per salvare la vista, più sicura, causa il minor numero di complicazioni ed è la più conveniente. Philip White, co-investigatore dello studio, ha dichiarato: “Finora, gli studi non hanno fornito prove di alta qualità per dimostrare che questa procedura può prevenire la cecità quando la vista sta rapidamente diminuendo. Inoltre, dobbiamo confermare la durata procedurale rispetto all’intervento chirurgico, che potrebbe dover essere ripetuto e stabilire che la sua sicurezza è almeno comparabile”.

Entrambe le procedure hanno i loro vantaggi e svantaggi. Lo smistamento del liquido cerebrospinale comporta l’impianto di uno shunt nel cervello e la drenante flusso di liquido cerebrospinale in eccesso in un’altra parte del corpo. Questo funziona, ma quasi sempre entro un anno lo shunt viene bloccato o infettato. Finora lo stenting, che è una procedura più recente, sembra più promettente, ma mancano i dati e gli scienziati non sono sicuri che questo sia effettivamente il modo migliore di intervenire.

- Advertisement -

Anche se all’inizio dell’articolo abbiamo detto che IIH non è una condizione comune, non è nemmeno esattamente raro. Si verifica in circa una ogni 100.000 persone. Le persone in sovrappeso sono colpite più spesso, ma l’IIH può disturbare sia i bambini che gli adulti. L’IIH è molto più comune tra le donne. È molto importante trovare il trattamento più efficace, perché molte persone ogni anno perdono la vista, il che è un enorme deterioramento della qualità della vita.

Francesca Angelica Ereddia
Francesca Angelica Ereddia
Classe 1990, Laureata in Giurisprudenza, siciliana, una passione per la scrittura, la musica e l'arte. Per aspera ad astra, dicevano. Io, nel frattempo, continuo a guardare le stelle.