Un team di scienziati restituisce la vista ad una donna non vedente

Un team di scienziati ha reso possibile ad una donna non vedente di tornare a distinguere delle forme geometriche. "Continueremo a sperimentare forme sempre più complesse", dicono gli esperti.

Un gruppo di ricercatori dalla Spagna, Olanda e dagli Stati Uniti ha permesso a una donna non vedente di 58 anni di tornare a riconoscere alcune semplici forme geometriche.

Il processo è consistito nell’impiantare degli array di elettrodi all’interno della corteccia visiva della paziente, capaci di stimolare i neuroni circostanti creando così una visione aritificiale. Le immagini vengono riprese attraverso la telecamera installata all’interno di uno speciale paio di occhiali.

- Advertisement -

Il professor Eduardo Fernández, a capo del progetto, ha spiegato che si tratta di “risultati molto interessanti perché dimostrano che il sogno di molti scienziati, ovvero quello di trasferire informazioni dal mondo esterno alla corteccia cerebrale di individui non vedenti, può essere realizzato in modo efficace e sicuro al fine di ripristinare una forma rudimentale di visione“.

L’esperimento si pone l’obiettivo di consentire ai non vedenti di avere una maggiore mobilità ed autonomia, permettendo loro di avere una maggiore consapevolezza di ciò che li circonda.

- Advertisement -

Fernández ha spiegato che andranno fatti molti test e molti altri esperimenti prima di poter ufficializzare il tutto, ma l’obiettivo è di continuare nella ricerca, realizzando impianti sempre più complessi.

Francesca Angelica Ereddia
Francesca Angelica Ereddia
Classe 1990, Laureata in Giurisprudenza, siciliana, una passione per la scrittura, la musica e l'arte. Per aspera ad astra, dicevano. Io, nel frattempo, continuo a guardare le stelle.