Uno nuovo strumento a tutela dei dati sensibili

La divulgazione di dati sensibili è oramai un grosso problema. Adesso arriva a supporto degli utenti un algoritmo che aiuta gli utenti a controllare la divulgazione accidentale dei loro dati sensibili

I social network offrono comodità per gli utenti ma allo stesso tempo presentano alcuni rischi. Durante la pubblicazione di informazioni online, gli utenti possono divulgare accidentalmente informazioni personali, come indirizzo e-mail, città natale o attività a cui partecipano.

Sarebbe quindi utile uno strumento che rilevi automaticamente le informazioni personali e lo ricordi all’utente. Recentemente, un gruppo di ricercatori ha proposto una versione estesa del vecchio framework di rilevamento delle perdite di privacy.

- Advertisement -

Il modello di deep learning rileva la perdita di privacy sui dati social online. Il modello di privacy dell’ontologia è sviluppato da enormi dati raccolti dai social network del mondo reale e classifica le informazioni in nove sottotipi. Pertanto, non solo agli utenti viene ricordato che pubblicheranno informazioni sensibili, ma viene anche notificato loro il tipo di dati privati. Questo potrebbe aiutare l’utente a evitare di ripetere l’errore.

Ogni giorno viene pubblicata una grande quantità di informazioni sui social network online. Le informazioni personali relative alla privacy possono anche essere divulgate inconsciamente dagli utenti finali. L’identificazione dei dati relativi alla privacy e la protezione degli utenti del social network online dalla perdita di privacy si rivelano importanti. Con questa motivazione, questo studio mira a proporre e sviluppare un approccio ibrido di classificazione della privacy per rilevare e classificare le informazioni sulla privacy dagli OSN.

- Advertisement -

L’approccio ibrido proposto impiega sia modelli di apprendimento profondo che modelli basati sull’ontologia per l’estrazione di informazioni relative alla privacy.

Vengono condotti ampi esperimenti per convalidare l’approccio ibrido proposto e i risultati empirici dimostrano la sua superiorità nell’assistere gli utenti dei social network online contro la perdita di privacy.

Francesca Angelica Ereddia
Francesca Angelica Ereddia
Classe 1990, Laureata in Giurisprudenza, siciliana, una passione per la scrittura, la musica e l'arte. Per aspera ad astra, dicevano. Io, nel frattempo, continuo a guardare le stelle.