Vodafone Red Unlimited : le nuove offerte abilitate alla 5G

Le offerte Red Unlimited sono disponibili anche con la rete denominata Giga Network 4.5G e includono anche il servizio 5G Ready che permetterà di navigare, al rilascio della nuova tecnologia,  nelle aree "coperte" con dispositivi abilitati.

Vodafone si prepara alla rete 5G con le nuove offerte.

 

La rete Vodafone 5G

La rete 5G per viaggiare nel futuro.

Salvo eventuali cambi di programma, tutti i nuovi e già clienti Vodafone Italia potranno attivare le nuove offerte consumer dall’’11 Marzo al 6 Aprile 2019.

Contestualmente al lancio delle offerte Vodafone, l’operatore ha aggiornato ieri anche il listino smartphone relativo agli Apple iPhone, con la possibilità di rateizzarli in abbinamento alle nuove offerte 5G .

Le offerte Red Unlimited (Smart, Ultra e Black)sono disponibili anche con la rete denominata Giga Network 4.5G . Includono anche il servizio 5G Ready che permetterà di navigare, al rilascio della nuova tecnologia,  nelle aree “coperte” con dispositivi abilitati.

Connessione ultra veloce

I dirigenti italiani sono molto ottimisti sulla diffusione della connessione veloce 5G, anche se risultano ancora incerti sulle reali possibilità delle aziende di sfruttarne il potenziale effettivo.

La rete in questione infatti consentirà una rapida navigazione in Internet ma non solo : verrà impiegata in diversi settori come l’industria e la sanità.

Le varie sperimentazioni degli operatori Wind-TreIlliadFastweb e Vodafone sono già in corso nelle principali città.

 

Il parere della scienza

Il 5G utilizza onde radio ad altissime frequenze, fino a 300 GHz. Le reti attuali sono invece comprese entro i 5 GHz. Sono proprio queste alte frequenze che preoccupano cittadini ed associazioni, contro l’ottimismo dei manager delle compagnie telefoniche.

La scienza ufficiale, attraverso l’Istituto Superiore della Sanità (Iss), rassicura . Come riportato da Repubblica, in una recente audizione alla Camera, si chiarisce che le nuove antenne 5G non saranno un pericolo maggiore per la salute, rispetto a tante altre tecnologie già in uso.

In questa audizione, sono stati citati uno studio dell’Istituto Ramazzini e un altro del National Toxicology Program, da cui risulta “un possibile aumentato rischio di tumore per l’esposizione di ratti a onde elettromagnetiche su frequenze usate dal 2G e dal 3G”. Lo stesso istituto americano nota che i risultati non possono essere trasposti sugli esseri umani, dato che le potenze assorbite dagli esemplari sono state maggiori rispetto all’uso di un cellulare tradizionale.

L’ Icnirp ha definito gli studi “poco significativi” in quanto riguardano solamente le possibili conseguenze dell’esposizione prolungata ai campi elettromagnetici generati anche dalle antenne e dagli elettrodomestici.Secondo quanto riportato, le linee guide internazionali usano il termine “cancerogeno” espressamente a seguito di un massiccio utilizzo dei cellulari in quanto la vicinanza della fonte al nostro cervello amplifica l’assorbimento delle onde magnetiche.

Un ricercatore dell’ Iss ha ricordato inoltre che la scienza ufficiale al momento è incerta che la rete 5G sia davvero un pericolo. L’Istituto Superiore della Sanità sottolinea anche che le potenze utilizzate saranno più basse e le onde si fermeranno allo strato superficiale della pelle. I recenti studi eseguiti su queste frequenze, svolti dall’Agenzia francese per la Sicurezza, la Salute e l’Ambiente, dimostrano che gli effetti sulle cellule sono meno rilevabili rispetto all’uso delle attuali frequenze.

L’implementazione tecnologica

Ci vorranno quindi da una parte investimenti importanti e dall’altra monitoraggio costante affinché il tutto sia realizzato nel rispetto delle regole.

Secondo i dati si può dire che non ci sia un reale rischio per la salute, ma l’implementazione che ne verrà fatta sarà il fulcro sul quale concentrare l’attenzione, non appena la tecnologia si svilupperà nel nostro paese.

I principali brand stanno rilasciando i modelli in grado di collegarsi alla rete 5G.  Samsung presenta una precisa variante di Galaxy S10,  OnePlus ha il suo modello , mentre HuawueiApple non sono di certo da meno.

Dopo un periodo dove le uniche novità introdotte riguardavano il lato estetico , i produttori ora devono rinnovare il loro dispositivi per essere supportati dalla rete 5G. In arrivo quindi non solo smartphone “flessibili”, ma apparecchi che garantiranno velocità di upload e download davvero futuristiche.

 

di Monica Ellini

 

 

 

Monica Ellini
Scrivo articoli in diversi settori di notizie: cronaca, scienza,salute, ambiente, spazio e cosmo, storia, viaggi, arte e archeologia. Eclettica e dedita alla ricerca, lavoro per obbiettivi in modo determinato e organizzato. Esperta di comunicazione e pubbliche relazioni, cerco di trasmettere attraverso lo scritto, concetti chiave e significati. Adotto un informazione consapevole che interessi diverse fasce di pubblico.
Potrebbero interessarti anche