Alessandro Haber in sedia rotelle: “Ho pensato al suicidio”

Alessandro Haber in sedia rotelle: "Ho pensato al suicidio, ma oggi va meglio e non voglo mollare: tornerò a camminare"

Hanno allarmato l’opinione pubblica le dichiarazione di Alessandro Haber in merito alla sua salute. L’attore ha rilasciato un’interessante intervista al Corriere della sera a cui ha raccontato come mai, ormai, da mesi non può più camminare e si trova sulla sedia a rotelle. A causa di un dolore alla gamba, ha subito due operazioni alla schiena non andate a buon fine e oggi si ritrova a non poter camminare.

Artista eclettico, pluripremiato e affermato anche nell’universo teatrale, Haber ha rivelato di aver vissuto un periodo difficile dove ha avuto anche dei momenti di depressione e solo ora che sta seguendo la riabilitazione vede qualche miglioramento. L’attore non ha esitato a confidare d’aver anche pensato al suicidio: “Ho avuto momenti di grande depressione, ho anche pensato di farla finita. Non ero indipendente, mi sentivo un peso. Inutile. Agli altri ma soprattutto a me stesso. La mia energia diluita, dispersa.

- Advertisement -

Haber ha poi precisato: “È stata dura. Ma ho pensato: c’è chi sta peggio. Ho avuto un’esistenza piena, ho realizzato tanti sogni. La vita mi ha regalato, e può ancora regalarmi, tanto. Per cui non devo, non voglio lamentarmi”.

Alessandro Haber: “Non voglio mollare…”

Alessandro Haber ha condiviso tutto il suo dolore, ma anche ammesso di vedere uno spiraglio di luce. Grazie alla riabilitazione e agli esercizi quotidiani sta recuperando le forze e con molta probabilità potrà tornare a camminare.

- Advertisement -

L’attore sa che è dura, e deve impegnarsi molto e anche se oggi vede il mondo a mezz’altezza non vuole mollare: “Sto facendo riabilitazione e, tra piscina e sedute di fisioterapia, che mi aiutano moltissimo, sento che il mio corpo sta cambiando, sto tornando in forze. Primo obiettivo: riuscire a camminare con le stampelle. Poi finalmente senza”