Assegno di inclusione e accompagnamento: sono compatibili?

La richiesta dell'assegno di inclusione può essere effettuata direttamente sul sito dell'INPS, tramite autenticazione con SPID

Dal 1° gennaio 2024, l’assegno di inclusione sostituisce il Reddito di Cittadinanza. Ci sono ancora diversi aspetti che devono essere approfonditi, in quanto spesso si crea confusione.

Ad esempio, è bene chiarire se assegno di inclusione e accompagnamento sono compatibili oppure no.

- Advertisement -

Per prima cosa, ricordiamo che l’accompagnamento è un’indennità riconosciuta a favore di soggetti mutilati o invalidi totali. Essendo dunque destinata ai disabili, si tratta di una prestazione pienamente compatibile con l’assegno di inclusione.

Requisiti per l’assegno di inclusione

Inoltre, per poter ottenere l’accesso all’assegno di inclusione, è bene ricordare che devono sussistere determinati requisiti relativi all’ISEE del nucleo familiare, oltre al reddito complessivo che comprende eventuali altre prestazioni sociali.

- Advertisement -

Nel caso dell’indennità di accompagnamento, questa non viene conteggiata nel calcolo del reddito percepito.

Tra i requisiti principali per poter richiedere e ottenere l’assegno di inclusione, occorre essere cittadino dell’Unione Europea, residente in Italia per almeno 5 anni di cui almeno 2 consecutivamente. Non solo, l’ISEE non deve superare i 9.360 euro. Ci sono poi altri vincoli legati al patrimonio mobiliare e immobiliare.

- Advertisement -

La richiesta per ottenere l’assegno di inclusione può essere effettuata direttamente sul sito dell’INPS, tramite autenticazione con SPID, Carta di identità elettronica oppure Carta nazionale dei servizi.

Ricordiamo infine che l’importo dell’assegno di inclusione è suddiviso sostanzialmente in due quote: quota A e quota B.

  • La quota A svolge il ruolo di integrazione del reddito del nucleo familiare e varia in base alla composizione del nucleo stesso e al totale del reddito.
  • La quota B è relativa a nuclei familiare che vivono in abitazioni in affitto e punta quindi ad aiutarli a pagare il canone di locazione mensile.
Marco Fior
Marco Fior
Mi chiamo Marco e sono un web writer freelance. Scrivo articoli per blog, siti web e pagine social. Tra le mie passioni c'è tutto quello che riguarda l'immobiliare (settore in cui ho lavorato diversi anni), finanza, economia, tecnologia, motori e sport. Mi piace scrivere di vari argomenti perché amo imparare cose nuove ogni giorno.