Autopsia su Astori: “Morte per bradiaritmia”

Si attende l'esito dell'esame istologico per ulteriori accertamenti sulle cause del decesso.

Il corpo del capitano della Fiorentina, Davide Astori, rinvenuto senza vita domenica mattina in una stanza d’albergo a Udine, è stato oggi sottoposto ad autopsia.

Come ha riferito il Procuratore Capo di Udine Antonio De Nicolò alla trasmissione La Vita in Diretta, non sono state rinvenute evidenze morfologiche, perciò il difensore viola sarebbe morto a causa di un’aritmia di natura bradicardica: il cuore di Astori, quindi, avrebbe rallentato i suoi battiti fino a fermarsi.
Per scoprire le cause della bradiaritmia, sarà necessario attendere l’esito di ulteriori esami istologici, tra 60 giorni.

Nel frattempo, la procura di Udine ha dato il nullaosta per la restituzione della salma ai familiari: domani sarà allestita la camera ardente a Coverciano, mentre giovedì mattina alle 10 si terranno i funerali alla basilica di Santa Croce, a Firenze, per l’ultimo saluto allo sfortunato centrale di San Giovanni Bianco.

Continuano, intanto, le iniziative in memoria di Davide: mentre la UEFA dispone un minuto di slienzio prima delle gare di coppa, la Fiorentina e il Cagliari (dove il difensore azzurro aveva militato per 6 stagioni) hanno ritirato congiuntamente la maglia numero 13, che da oggi, dunque, apparterrà per sempre ad Astori.

Potrebbero interessarti anche