Benno Neumair, parla una testimone: “Era stato ricoverato in psichiatria”

Il mistero si infittisce, ed emerge un particolare che non può che rattristare: Benno soffriva di disturbi mentali, ed era stato ricoverato. Viene spontaneo chiedersi come mai il giovane sia stato rilasciato dalla clinica se effettivamente pericoloso

Nella puntata di ieri di Quarto Grado, un’amica di Benno ha fornito una testimonianza molto importante e che adesso dovrà essere sottoposta al vaglio degli inquirenti: Benno Neumair, nel luglio dello scorso anno, quando si trovava in Germania, fu ricoverato in psichiatria per una crisi, pare di radice paranoide, molto forte.

Benno pare sia affetto da disturbi psicologici di tipo schizo-paranoide. La testimone che ha parlato a Quarto Grado è una persona molto amica di Benno e della sua famiglia. La donna ha raccontato di come pochi mesi fa Benno abbia minacciato la fidanzata del tempo con un coltello, per poi minacciare di uccidersi. Quella sera furono chiamati i soccorsi e Benno venne ricoverato.

- Advertisement -

Il quadro degli elementi si fa ancora più agghiacciante, soprattutto perché a questo punto, visti i disturbi dai quali Benno è afflitto, non è da escludersi che possa anche aver operato un meccanismo di rimozione che lo ha portato a cancellare dalla memoria il delitto dei suoi stessi genitori.

Intanto, l’avvocato di Benno, risponde così alle accuse mosse al suo assistito, tacciato di essere fin troppo serafico e privo di sentimenti alle udienze in cui vengono fatti risentire gli audio della madre Laura: Ha un carattere abbastanza forte, giustifica l’avvocato. E aggiunge: “È provato anche perché non si spiega come mai non si siano trovati i genitori. È tristissimo: spera tanto che li trovino. Ha cercato di collaborare con i carabinieri dal primo momento e spera che ci sia questa possibilità”.

- Advertisement -

Francesca Angelica Ereddia
Francesca Angelica Ereddia
Classe 1990, Laureata in Giurisprudenza, siciliana, una passione per la scrittura, la musica e l'arte. Per aspera ad astra, dicevano. Io, nel frattempo, continuo a guardare le stelle.