BERT il nuovo sistema di algoritmo di Google

BERT il nuovo sistema di algoritmo di Google

Google ha presentato di recente BERT, acronimo di Bidirectional Encoder Representations from Transformers. Si tratta di un nuovo algoritmo studiati dal colosso informatico, per comprendere al meglio le ricerche che vengono effettuate dagli utenti sul browser.

Si stima che BERT sarà capace di influire su circa il 10% dei risultati generati da google, e cambierà l’ordine di visualizzazione dei link. Infatti, BERT sarà in grado di recepire maggiormente l’intenzione dell’user, specie quando effettua una ricerca utilizzando intere frasi e non parole chiave.

Che cosa è BERT?

Dopo aver spiegato a cosa serve questo nuovo algoritmo, è bene fare un passo indieto e capire di che si tratta. Detto in parole povere, è un sistema di elaborazione del linguaggio naturale, capace di tramutare le informazioni scritte in un linguaggio comunemente utilizzato.

BERT funziona attraverso una rete neurale artificiale: una rete che “imita” il funzionamento dei neuroni umani, ovvero le cellule del cervello riguardo la parte comunicativa di tali cellule l’una con l’altra.

I ricercatori Google hanno sviluppato questo sistema di intelligenza artificiale capace di comprendere l’intero contesto nel quale una determinata parola è stata inserita. BERT esamina le connessioni presenti nella frase e non analizza i pezzi singolarmente come faceva l’algoritmo precedente.

Come funziona l’algoritmo?

Per “insegnare” a BERT a comprendere adeguatamente le connessioni tra le frasi, il team di ricercatori Google ha scelto alcune frasi di seno compiuto  in inglese, e successivamente i componenti dello staff hanno eliminato casualmente il 15% dei termini della frase.

Successivamente, hanno attivato BERT per tentare di ricostruire le frasi attraverso i pezzi mancanti. Per raggiungere risultati soddisfacenti, sono stati necessari milioni di esperimenti. BERT, però, è stato in grado di ricostruire le frasi in modo adeguato, al fine di conferire il senso originario alle espressioni.

Leggi anche: Robotica: sciami di piccoli droni aiuteranno ad esplora ambienti impenetrabili

Iweblab