Blitz a Trapani: 25 arresti tra cui l’ex deputato Pd Ruggirello

Voto di scambio a stampo mafioso

I carabinieri del nucleo investigativo di Trapani hanno effettuato un blitz all’alba: 25 gli arrestati tra cui spicca il nome dell’ex deputato del Pd siciliano, Paolo Ruggirello 52 anni, trapanese,  e candidato (non eletto) alle ultime elezioni per il Senato. E’ accusato di associazione mafiosa.  Dalle indagini è emerso che Ruggirello è stato a disposizione della “famiglia” favorendo affari e assunzioni, avrebbe inserito persone segnalate dai boss nelle liste per assunzioni locali in cambio del proprio sostegno elettorale.

Coinvolta anche l’ex assessore comunale di Trapani

E’ finita in carcere anche l’ex assessore comunale di Trapani Ivana Inferrera, che nel 2017 fu candidata alle Regionali con l’Udc. E’ accusata di voto di scambio mafioso. Assieme a lei arrestato anche il marito Ninni D’Aguanno, e l’ex consigliere comunale di Erice Ninni Maltese facente parte della famiglia mafiosa dei Virga.

Il Blitz

L’inchiesta ha portato alla luce il nuovo vertice di Cosa Nostra composto dai figli del vecchio capomafia Vincenzo Virga, Francesco e Pietro, che dopo essere stati scarcerati avevano lanciato la riorganizzazione della cosca. Gli affari puntavano soprattutto sull’edilizia, sullo smaltimento dei rifiuti, e sul turismo. In particolare il clan aveva nominato un referente sull’isola di Favignana per gestire il Grand hotel Florio e altri interessi economici. L’albergo è stato sequestrato insieme ad altri beni per un valore di 10 milioni di euro.

L’indagine coordinata dalla procura di Palermo ha confermato che la cosca diretta dal latitante Matteo Messina Denaro (latitante dal 1993) è il vero laboratorio della nuova mafia siciliana, che prova a ridarsi un volto rispettabile. Con una missione: abbandonare le attività criminali tradizionali sul territorio per dedicarsi ai grandi affari, grazie ad alcune complicità insospettabili.

Chi è Paolo Ruggirello

Il padre era un’imprenditore proprietario della Banca Industriale e patron del Trapani calcio. Nel 1995 il padre lascia gli affari di famiglia alla figlia Bice, mentre paolo si lancia in politica. Inizialmente, al fianco del socialista Bartolo Pellegrino poi nel movimento autonomista di Raffaele Lombardo per poi proseguire alla lista di centrodestra guidata da Nello Musumeci. Tre legislature da deputato regionale.

Nel 2015, Ruggirello ha fatto il suo ingresso nel Partito Democratico. Nel marzo scorso non riesce a candidarsi per il Senato e viene estromesso anche dalle cariche nazionali del partito. In un’intervista aveva dichiarato “Io sono un uomo che ha sempre cercato l’incontro e mai lo scontro” , n quasi dieci anni di attività politica sono stato al servizio del territorio”.  Ora dovrà rispondere di associazione mafiosa.

 

 

 

Loading...
Potrebbero interessarti anche