Bluetooth: In alcuni dispositivi è presente un bug che rileva la posizione

Alcuni dispositivi bluetooth sono fallati e presentano un bug che mette in pericolo la sicurezza degli utenti

Gli utenti che possiedono un dispositivo bluetooth  potrebbero avere un grosso problema che riguarda la sicurezza della privacy. Infatti, di recente è stato scoperto un bug che consente agli hacker di rilevare la posizione.

Bluetooth: Il bug che invia la propria posizione agli hacker

I pirati informatici, sono in grado di rubare sia i dati sensibili sia di rilevare la posizione degli utenti grazie a un bug presente nel bluetooth. Ovvero, si tratta di un errore di programmazione che consente di carpire informazioni.

Questa scoperta, non è solo inquietante ma anche molto preoccupante perché potrebbe favorire sia attività illegali sia lo stalking. In quanto, questa  minaccia sembra essere favorita dal modo in cui i dispositivi vengono associati.

Più precisamente, durante la fase di pairing uno dei dispositivi funziona come componente mentre il secondo ha un ruolo periferico. Questo vuol dire, che è proprio quest’utilmo a distinguersi inviando un segnale positivo con un indirizzo univoco.

I dispositivi colpiti da questo bug

Al contrario di quanto si può pensare, la vulnerabilità causata da questo bug non colpisce tutti i dispositivi dotati di bluetooth. Infatti, il problema riguarda gli utenti che utilizzano i sistemi operativi:

  • iOs
  • Windows 10

Questo vuol dire che invece gli utenti del famoso robottino verde, ovvero Android, non corrono nessun pericolo. Infatti, i dispositivi decisamente più minacciati sono quelli a marchio Fitbit.

La motivazione è anche abbastanza intuibile, in quanto l’associazione avviene tramite la modifica automatica dell’indirizzo che rende più semplice il tracciamento. Il perché, è stato spiegato da un gruppo di ricercatori della Boston University.

In sostanza, anche se la maggior parte dei Device genera un indirizzo causale questo non basta a fermare gli hacker. Che utilizzando un algoritmo open source riescono a tracciare in modo preciso la posizione anche se si modifica l’indirizzo.

Attualmente, non esiste ancora una soluzione che permetta di risolvere in modo definitivo questo problema. L’unica precauzione, è quella di riavviare il bluetooth su iOs e Windows 10 in modo che si resetti lo stack indirizzi.

Leggi anche WhatsApp: C’è un nuovo virus che ruba i dati a Facebook e Google


Quotidianpost.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Potrebbero interessarti anche