Bonus Babysitter 2020: La domanda si può fare fino al 31 Agosto

Il Bonus Babysitter 2020 è stato prorogato, i genitori possono richiederlo fino al 31 Agosto

PhotoCredit: Pixabay

L’INPS, ha deciso di prorogare fino sl 31 Agosto il Bonus Babysitter 2020, quindi questo vuol dire che le famiglie hanno ancora una settimana di tempo per poter inoltrare la domanda.

La proroga del Bonus Babysitter 2020

Grazie alla legge di conversione del Decreto Bilancio, le famiglie possono richiedere il Bonus Babysitter 2020, ovvero i voucher che consentono di pagare i servizi di babysitting, quelli integrativi per l’infanzia oppure i centri estivi, fino al 31 Agosto.

A dare notizia di questa proroga, è stata proprio l’INPS tramite un comunicato stampa diramato il 5 Agosto, dove informava che i servizi di babysitting prestati a partire dal 5 Marzo (quando le scuole sono state chiuse) fino al 31 Dicembre 2020, sarebbero stati pagati appunto attraverso il Bonus.

Inoltre, con l’approvazione del Decreto Rilancio, non solo è stata estesa la portata della misura ai centri estivi ma, per chi ancora non aveva usufruito, sono stati aumentati gli importi.

Tra l’altro, in base alla circolare n. 73 del 17 Giugno, è stata introdotta anche un’altra importantissima novità. In quanto, coloro che non hanno usufruito dei 15 giorni di congedo parentale straordinario, previsti dal Decreto Rilancio, in alternativa possono usufruire del Bonus Babysitter.

Per sapere come inoltrare la domanda, occorre controllare le prime istruzioni operative rilasciate dalla stessa INPS, la quale con la circolare n. 44 del 24 Marzo spiega:

  • Le modalità per fare la richiesta
  • Quali sono i requisiti (che restano gli stessi anche con la proroga)
  • Come funziona il Libretto di Famiglia

Infine, si ricorda che hanno diritto ad usufruire del Bonus Babysitter 2020 solo coloro che hanno figli fino ai 12 anni. Mentre, nel caso un cui il bambino fosse affetto da disabilità, il limite d’età non viene più tenuto in considerazione. Inoltre, per vedersi riconosciuto il Bonus è indispensabile che, all’interno del nucluo familiare, uno dei due genitori che non percepisca strumenti al reddito oppure che abbia un occupazione lavorativa.