Bonus matrimonio 2021, come funziona e quali spese si possono recuperare

Ecco tutte le informazioni utili

Il bonus matrimonio 2021 è un incentivo che potrebbe essere inserito nel Decreto Rilancio. Si tratta di un incentivo per poter sostenere i costi dell’organizzazione del matrimonio delle coppie che intendono convolare a nozze dal 1 gennaio 2021.

Questa misura è stata inserita come emendamento per poter incentivare il settore commerciale delle nozze, in crisi per via di tutti gli annullamenti per via dell’emergenza coronavirus. Attualmente, è in discussione in Commissione Bilancio per controllare la presenza di fonti da destinare allo scopo (si parla di 200 milioni di euro).

- Advertisement -

Il bonus matrimonio nel dettaglio

Ma come funziona, precisamente il Bonus Matrimonio 2021? Si tratta di una detrazione dell’imposta lorda al 25% delle spese sostenute per organizzare le nozze, fino ad un totale di 25 mila euro.

Ciò significa – come spiegato dal commercialista Salvo Conte – che, anche se si spendono cifre spropositate, al massimo si potrà considerare una cifra di 25 mila euro, che porterà detrazioni complessive per 6.250 euro (per ottenere la cifra esatta basta dividere 25 mila per 4, ndr). La detrazione sarà divisa in 5 rate annuali: nell’esempio del massimo importo, quindi, in dichiarazione si recupereranno 1.250 euro all’anno”.

- Advertisement -

I requisiti per la richiesta del Bonus matrimonio 2021 dovrebbero essere le certificazioni delle spese per la cerimonia sostenute (in Italia), sia civile che religiosa.

Quali sono i costi coperti dal bonus

Tale bonus non è applicabile su tutto, ma su alcune precise voci di spesa:

- Advertisement -
  • l’affitto del locale,
  • il catering,
  • le decorazioni floreali,
  • trucco e parrucco,
  • abiti per gli sposi,
  • fotografo,
  • wedding planner.

Insomma, anche se qualche piccola voce potrebbe essere esclusa, la maggior parte delle spese sembrerebbero essere coperte. Bisognerà attendere l’effettiva entrata in vigore del provvedimento, con la conversione in legge del decreto, per sapere se tali spese verranno ridimensionate oppure ne verranno incluse di nuove.