Buon compleanno a Johnny Dorelli

18349

Sì, io lo so/tutta la vita sempre solo non sarò/un giorno troverò un po’ d’amore anche per/per me che sono nullità nell’immensità.
Cantante, showman, attore di cinema e di teatro, con una lunga carriera vissuta sul palco con uno stile americano, crooner, ironico e scanzonato, lui è Giorgio Guidi, nome d’arte di Johnny Dorelli.
Milanese di nascita ma americano nell’anima, Johnny Dorelli inizia la sua carriera in America accanto al grande Mike Bongiorno, per poi ritornare in Italia per volare “Nel blu dipinto di blu”, pezzo discografico cantato in coppia con Domenico Modugno al Festival di Sanremo del 1958, bissando il successo, l’anno seguente, sotto l’ebrezza della pioggia, con la canzone “Piove”.
La sua ironia graffiante e pungente, oltre alla musica la ritroviamo nelle commedie cinematografiche di successo da lui interpretate.
Attore e cantante eclettico, si identifica nelle vesti di un prete, di un amante, in quelle di un giornalista e di un maestro dal “Cuore” d’oro.
Johnny Dorelli non sarà mai nullità nell’immensità, avrà sempre al suo fianco una donna che lo amerà, come la sua attuale moglie Gloria Guida. Notevolissimo pezzo musicale scritto per lui da Don Backy e reinterpretato negli anni, con successo, da altri suoi colleghi, per ultima Gianna Nannini.
A lui verrà dato il compito di costruire un’arca, nel musical “Aggiungi un posto a tavola”, nelle vesti di un prete, per salvare tutti gli abitanti e gli animali del paese, dal secondo diluvio universale. Un compito difficoltoso, soprattutto quando chiederà a tutti gli uomini di giacere accanto alle loro donne per procreare figli. “After me the deluge, romanzo liberamente ispirato di David Forrest.

 

Potrebbero interessarti anche