Cancro al seno: “L’elettricità può rallentarlo”, ecco come

Non è chiaro in questa fase, ma stiamo lavorando per capire quanto dovrebbe essere grande il campo elettromagnetico, quanto dovrebbe essere vicino al tumore. Queste sono le prossime domande a cui speriamo di rispondere

L’elettricità può rallentare – e in alcuni casi fermare – la velocità con cui le cellule del cancro al seno si diffondono nel corpo, indica un nuovo studio. “Pensiamo di poter ostacolare le metastasi applicando questi campi, ma pensiamo anche che potrebbe essere possibile persino distruggere i tumori utilizzando questo approccio”, ha detto Vish Subramaniam, autore senior dell’articolo ed ex professore di ingegneria meccanica e aerospaziale presso l’Ohio State University.

“Non è chiaro in questa fase, ma stiamo lavorando per capire quanto dovrebbe essere grande il campo elettromagnetico, quanto dovrebbe essere vicino al tumore. Queste sono le prossime domande a cui speriamo di rispondere”.

- Advertisement -

Lo studio è tra i primi a dimostrare che i campi elettromagnetici potrebbero rallentare o arrestare determinati processi del metabolismo di una cellula cancerosa, compromettendone la capacità di diffusione. I campi elettromagnetici non hanno avuto un effetto simile sulle cellule mammarie normali. Travis Jones, autore principale dell’articolo e ricercatore presso l’Ohio State, ha confrontato gli effetti con ciò che potrebbe accadere se qualcosa interferisse con un gruppo che corre insieme lungo un percorso. “Fa sì che alcuni di loro si fermino per un po’ prima che inizino a muoversi, lentamente, di nuovo”, ha detto. “Come gruppo, sembrano essersi separati.”

Quindi la velocità con cui l’intero gruppo si sta muovendo e per quanto tempo si sta muovendo ne risente. “I campi elettromagnetici vengono applicati alle cellule cancerose senza toccarle“, ha affermato Jonathan Song, coautore dell’articolo, professore associato di ingegneria meccanica e aerospaziale presso l’Ohio State e co-direttore del Center for Cancer Engineering dell’Ohio. “Togli il carburante e l’auto non può più muoversi”, ha detto Song. Il lavoro è stato eseguito su cellule di cancro al seno umano isolate in un laboratorio e non è stato testato clinicamente. I campi elettromagnetici sembrano funzionare per rallentare il metabolismo delle cellule tumorali selettivamente modificando i campi elettrici all’interno di una singola cellula.

- Advertisement -

“L’accesso al funzionamento interno della cellula, senza dover effettivamente toccare la cellula tramite un intervento chirurgico o un’altra procedura più invasiva, è una novità per lo studio di come il cancro metastatizza”, ha detto Subramaniam. “Ora che lo sappiamo, possiamo iniziare a rispondere anche ad altre domande”, ha continuato Subramaniam. “Come influenziamo il metabolismo al punto che non solo non lo facciamo muovere ma lo soffochiamo, lo facciamo morire di fame. O possiamo rallentarlo fino al punto in cui rimarrà sempre debole?” Questa ricerca è un’estensione di due precedenti studi pionieristici, pubblicati nel 2015 e nel 2019, che hanno dimostrato che i campi elettromagnetici potrebbero ostacolare le metastasi del cancro al seno.

Francesca Angelica Ereddia
Francesca Angelica Ereddia
Classe 1990, Laureata in Giurisprudenza, siciliana, una passione per la scrittura, la musica e l'arte. Per aspera ad astra, dicevano. Io, nel frattempo, continuo a guardare le stelle.