Cannella: proprietà benefici e controindicazioni

Utile sia in cucina e nella preparazione di bevande, questa famosa spezia vanta molte proprietà e benefici

La cannella è una spezia che vanta molte proprietà e benefici, è conosciuta per il suo utilizzo in cucina ma anche come ottimo rimedio contro raffreddore, fame nervosa e dolori mestruali. La cannella è una pianta sempre verde originaria dell’Asia in particolare dello Sri-Lanka, la spezia si ottiene dai rami legnosi della pianta che una volta essiccati vengono ripuliti in modo da eliminare la corteccia.

La cannella si trova in commercio in piccoli bastoncini o in polvere, oltre al classico uso sui piatti salati e dolci, la cannella possiede proprietà medicinali.

Proprietà della cannella

Essa ha proprietà antisettica, battericida e disinfettante. E’ particolarmente indicata le infezioni del cavo orale come raffreddore o alitosi. Agisce contro ferite e abrasioni essendo un disinfettane naturale in questo caso applicare sulla parte interessata un pò di cannella in polvere o l’olio essenziale.

Inoltre secondo alcuni studi la cannella svolge un’importante ruolo nel controllo del livello di glicemia del sangue, la cannella riduce la glicemia nel diabete di tipo 2, quello che non richiede la somministrazione di insulina. Aiuta a perdere peso in quanto da molta sazietà.

La cannella contiene una buona presenza di vitamine in particolare  vitamina C, E, K vitamine del gruppo B, sali minerali quali magnesio, calcio, ferro, potassio, fosforo, selenio e zinco.

Cannella in cucina

La cannella viene spesso utilizzata sia per dare sapore alle torte sia ai gelati come anche nelle caramelle. Sta molto bene anche nel caffè o per dare gusto ai biscotti natalizi. La cannella può essere utilizzata anche sulle bevande come ad esempio il grog una bevanda che si può preparare mescolando in una tazza (da 120 ml) di acqua bollente 60 ml di rum scuro, 1 cucchiaio di succo di lime, 1 cucchiaio di zucchero di canna e 1 bastoncino di cannella.

Cannella controindicazioni

Come per tutte le pietanze e i cibi il consumo snodato fa male, utilizzarne troppo può portare a irritazione cutanea con l’insorgere di orticaria. In gravidanza è sconsigliato l’uso in quanto potrebbe nuocere al bambino.