Cannes 2019: The Orphanage selezionato per la Quinzaine des Réalisateurs

Alla Quinzaine il secondo film della pentalogia di Shahrbanoo Sadat

La Quinzaine des Réalisateurs, ha selezionato The Orphanage (Parwareshgah), la seconda parte della pentalogia di Shahrbanoo Sadat, come uno dei film che sarà in concorso quest’anno a Cannes. Il suo primo lungometraggio, Wolf and Sheep, il primo di un totale di 5 film in programma è stato proiettato al sidebar nel 2016. La pentalogia si basa su un’autobiografia inedita di un amico di Shahrbanoo, Anwar Hashimi

The Orphanage (Parwareshgah), diretto da una dei pochi registi afghani femminili: Shahrbanoo Sadat, è stato girato in Tagikistan, Germania e Danimarca. La Quinzaine des Réalisateurs (in inglese Directors’ Fortnight) è una selezione parallela alla selezione ufficiale del Festival di Cannes, che si svolge dal 1969, organizzaQuinzaineta dalla Société des Réalisateurs de Films (quindici giorni dei registi), cui più spesso ci si riferisce chiamandola semplicemente Quinzaine, consiste in una programmazione di cortometraggi,  lungometraggi e documentari di tutto il mondo.

The Orphanage

Il film è basato sulle memorie di Anwar, in un orfanotrofio di Kabul, nel 1980, in Afghanistan, quando il paese era sotto il dominio filo-sovietico. L’adolescente Qodrat vive per le strade di Kabul in un orfanotrofio sovietico, dove assiste ai messaggi dei mujaheddin che incitano alla guerra civile. Il film mostra la vita di tutti i giorni all’interno di un orfanotrofio in Afghanistan governato da valori sovietici. In aggiunta, ci sono elementi musicali ispirati ai film di Bollywood dal momento, che sono stati proiettati nei cinema afghani. Il film è prodotto da Katja Adomeit per Adomeit Film in Danimarca, co-prodotto da Adomeit film in Germania, La Fabrica Nocturna Cinéma in Francia, Samsa Film in Lussemburgo e Wolf Pictures in Afghanistan. Esso è finanziato da Eurimages, Film Fund Luxembourg, Arri-International Support Program, Copenhagen Film Fund, The Danish Filminstitute, Cinema Du Monde, Filmförderung Hamburg Schleswig-Holstein, World Cinema Fund, TorinoFilmLab, Cinereach, Europa creativa MEDIA, Hubert Bals, Asian Fund Cinema. 

La storia è ambientata alla fine degli anni 80, dove il quindicenne Qodrat vive nelle strade di Kabul e vende biglietti del cinema sul mercato nero. Lui è un grande fan di Bollywood e sogna ad occhi aperti in alcune delle sue scene preferite. Un giorno, la polizia lo portano all’orfanotrofio sovietico. Ma a Kabul, la situazione politica sta cambiando. Qodrat e tutti i bambini vogliono difendere la loro casa. 

Shahrbanoo Sadat

Shahrbanoo è una regista e sceneggiatrice di origine afghana e residente a Kabul. Ha studiato regia presso il laboratorio francese Atelier Varan Kabul. Il suo primo lungometraggio Wolf and Sheep è stato sviluppato con la Cinéfondation di Cannes nel 2010. All’età di 20 anni è stata la regista più giovane selezionata. Il film ha vinto il premio principale a Fortnight 2016. Il suo secondo lungometraggio, The Orphanage (Parwareshgah) segue Wolf and Sheep, come la seconda parte di una pentalogia pianificata su cinque film tratti da un’autobiografia inedita. 

Adomeit Film 

L’Adomeit Film danese, produce esclusivamente pellicole cinematografiche, in stretta relazione con i registi. Le produzioni sono stati proiettati in tutto il mondo e in molti festival: Pine Ridge di Anna Eborn – Venezia IFF, The Weight of Elephants & Loving Pia di Daniel Borgman – Berlinale, Team Hurricane di Annika Berg – Settimana della Critica-Venezia IFF. Inoltre, Katja Adomeit ha co-prodotto attraverso la Coproduction Office, di Ruben Östlund: Force Majeure e The Square, che ha vinto la palma d’oro a Cannes nel 2017. 

Filmografia di Shahrbanoo Sadat

 
“The Orphanage (Parwareshgah)”, 90 min, Feature, Danimarca / Germania / Francia / Lussemburgo / Afghanistan (scrittore / produttore / regista) selezionati per Fortnight 2019.“Wolf and Sheep” 86 min, Feature, Danimarca / Francia / Svezia / Afghanistan (scrittore / produttore / regista) Sviluppato con Cinéfondation di Cannes Residence. Selezionato per Quinzaine 2016, vincendo il premio principale. “Not at Home” del 2013, 65 min, Ibrido, Danimarca / Afghanistan / Germania (sceneggiatore / regista / produttore) Proiettato a BBC Persian (APARAT 2014), International Film Festival Rotterdam (selezione ufficiale Bright Future 2014) CPH: DOX (Nordic: concorrenza DOX 2013) Hamburger Dokfilmwoche 2014, FF Afghanistan per i diritti umani (fuori concorso 2013) 
“Who Wants to be the Wolf ?” 2014, 11 Min, Fiction (sceneggiatore / regista / produttore). “Vice Versa One” Il 2010, 9:30 min, Fiction (sceneggiatore / suono / regista / produttore) Quinzaine des réalisateurs 2011, New Directors Nuovo Films- MOMA 2011, Guanajuato International Film Festival 2011. “A smile for life” Il 2009, 22 min, Doc (regista /camera), Short Film Corner del 2011. 

Filmografia di Katja Adomeit

 
“The Green Movie”, 75, scrittore / regista: Annika Berg.“Harpiks”, 94, Status: postproduzione. regista: Daniel Borgman. “The Orphanage (Parwareshgah)”, 90 min, scrittore / regista: Shahrbanoo Sadat, Fortnight 2019. “Team Hurricane”, 96 min, scrittore / regista: Annika Berg, Critica veneziana Settimana 2017. “Dreams by the Sea”, 78 min, regista: Sakaris Stórá, Writer: Marjun Syderbø Kjelnæs. “LIDA”, 88 min, scrittore / regista: Anna Eborn, CPH: DOX 2017, Visions du Réel 2017. “LOVING PIA”, 100 min, scrittore / regista: Daniel Borgman, con Residency Berlinale 2015, Berlinale 2017. “Wolf and Sheep”, 2016, 86 min, scrittore / regista: Shahrbanoo Sadat, sviluppata con Cinéfondation di Cannes Residence. Selezionata per la Quinzaine des Réalisateurs 2016 e ha vinto il premio principale. “PINE RIDGE”, 2013, documentario, 77 min, scrittore / Regista: Anna Eborn, Venice Film Festival Internazionale del 2013, MoMA, CPH: DOX, GIFF, DocPoint Helsinki, ecc. “The Weight of Elephants”, 83 min, 2012, Danimarca / Nuova Zelanda / Svezia, sviluppato con Cannes Cinefoundation Residence, scrittore / regista: Daniel Borgman. Coproduttore in Coproduction Office DANIMARCA :“The Square”, 142 min, scrittore / regista: Ruben Östlund, produttore: Erik Hemmendorff, Philippe Bober. Palma d’Oro, Cannes FF 2017.“Force Majeure”, 120 min, scrittore / regista: Ruben Östlund, produttore: Marie Kjelsson, Erik Hemmendorff, Philippe Bober. Un Certain Regard di Cannes-FF 2014, Toronto FF, nominato per un Golden Globe. 

Marcello Strano
Appassionato di scrittura, arte, cultura e sopratutto di cinema. Ha partecipato ai festival cinematografici più esclusivi e importanti al mondo. Un'attivista impegnato costantemente in azioni concrete di sensibilizzazione della cultura digitale.
Potrebbero interessarti anche

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here