Canone Rai esenzione per gli over 75: come si richiede

L'agenzia delle entrate esonera dal pagamento del Canone Rai gli anziani

Il Canone Rai per le persone che hanno età uguale o superiore a 75 anni non deve essere versato. Di seguito tutti ciò che si deve sapere, l’esenzione e come richiederla.

L’esenzione da Canone Rai, cos’è?

L’Agenzia delle Entrate con il comunicato n. 18439 del 27 gennaio 2020, disciplina le “Modalità di attuazione delle disposizioni relative all’esenzione dal pagamento del canone di abbonamento alla televisione per uso privato. In favore dei soggetti di età pari o superiore a settantacinque anni e approvazione dei relativi modelli”. Disposti i nuovi modelli che permetteranno di fare domanda di esenzione del Canone Rai per i contribuenti di età uguale o superiore a 75 anni. Ma non solo! Anche il nuovo modello per la domanda di rimborso per le somme già pagate.

- Advertisement -

Chi può chiedere l’esenzione del canone Rai?

L’esenzione dei pagamento del canone Rai dipende dal valore reddituale del dichiarante. Ai sensi della Legge 160 / 2019 (Legge di Bilancio 2020), articolo 1, comma 335, il nuovo limite di reddito è stato fissato a 8 mila euro. Ai fini dell’esenzione dal pagamento del canone, quindi nella dichiarazione dei redditi relativa all’anno precedente, il valore non può superare la soglia massima. Sono tre i requisiti principali:

  1. avere un’età uguale o superiore a 75 anni;

2) avere un reddito non superiore a 8000 euro;

- Advertisement -

3) utilizzo della televisione a scopo privato, in casa per dirlo in altre parole.

Come si presenta la domanda?

La domanda deve essere presentata entro il 31 gennaio 2020. I modelli sono resi disponibili sui siti internet dell’Agenzia delle entrate www.agenziaentrate.gov.it e della RAI www.canone.rai.it. Secondo il comunicato, le richieste devono essere presentate, unitamente alla una copia di un valido documento di riconoscimento. L’ indirizzo da utilizzare è: Agenzia delle entrate, Direzione Provinciale 1 di Torino, Ufficio Canone TV – Casella Postale 22 – 10121, Torino. La domanda si considera presentata nella data di spedizione risultante dal timbro postale. La ricevuta dell’avvenuta spedizione deve essere conservata per 10 anni. Inoltre, va esibita a richiesta dell’Agenzia delle entrate.

- Advertisement -

Se il canone è già stato pagato?

La richiesta di rimborso può essere trasmesse anche mediante pec. Il richiedente deve però firmare digitalmente tutti i documenti. L’indirizzo è cp22.canonetv@postacertificata.rai.it. In alternativa, la dichiarazione sostitutiva e la richiesta di rimborso possono essere consegnate presso un ufficio territoriale dell’Agenzia delle entrate. Gli uffici sono aperti tutti i giorni dal lunedì al venerdì, escluso i festivi.