Castagne: calorie, valori nutrizionali e benefici

Castagne: calorie

In questa tipica stagione autunnale non possiamo non pensare alle castagne, gustosi frutti ricchi di sostanze nutritive apprezzate fin dall’antichità.

Il castagno

Il Castagno europeo o Castanea sativa fa parte della famiglia delle Fagaceae, ed è praticamente l’unico esemplare diffusosi in Europa. Il castagno tollera abbastanza bene le basse temperature e subisce danni solo quando il termometro scende sotto i -25°C. Ha un ciclo di fruttificazione piuttosto lungo e necessita, per produrre il frutto maturo, di 4 mesi di bella stagione in assenza di siccità.

Diffusosi nel medioevo il castagno ha rappresentato nel passato una risorsa di notevole importanza sia per la produzione di legname, sia per i suoi frutti, le castagne, definiti anche “pane dei poveri”. La castagna infatti, è un alimento ricchissimo di nutrienti, tant’è che, fino a qualche decennio fa, rappresentava la base alimentare della gente di montagna e la pianta si era guadagnata l’appellativo di albero del pane, proprio per sottolinearne l’importanza.

Castagne: valori nutrizionali

Le castagne sono un frutto atipico: molto meno ricche di acqua rispetto agli altri frutti conosciuti e particolarmente ricche di carboidrati, che le rendono un’alternativa al pane, alla pasta o alle farine adatta anche a chi soffre di celiachia poiché non contenenti glutine. Sono un frutto particolarmente calorico (100 gr di castagne apportano 174 calorie) e per questo motivo andrebbero consumate con moderazione fuori pasto oppure sostituite ad altri alimenti nel pasto principale. Le castagne arrosto sono più caloriche rispetto a quelle bollite.

Oltre ad essere molto sazianti al tempo stesso sono ricche di diversi minerali e vitamine e in particolare di vitamine del gruppo B, vitamina E, vitamina K, potassio, fosforo, magnesio, acido folico, zinco, rame e manganese.

Castagne:benefici

Numerose sono le proprietà e i benefici vediamoli nel dettaglio:

  • Proprietà antinfiammatorie grazie alla presenza di acidi fenolici, conosciuti per la loro potente azione antiossidante e per la loro capacità di prevenire una condizione di stress ossidativo.
  • Proprietà digestive, grazie all’abbondanza di fibra alimentare, sono utili per preservare o ripristinare la regolarità intestinale. Non contengono glutine e hanno un valore nutritivo simile a quello dei cereali.
  • Riduzione del colesterolo, le castagne come abbiamo visto, sono una buona fonte di fibre, sostanze che limitano l’assorbimento del colesterolo. Oltre alle fibre, a favorire la riduzione del colesterolo intervengono anche gli acidi grassi omega3 e omega6 presenti nel frutto.
  •  Prevenzione delle patologie neurodegenerative, è dovuta alla buona presenza di vitamina E, fondamentale per il benessere del nostro sistema nervoso e per la prevenzione di una serie di patologie degenerative legate all’età.
  • Proprietà antibatterica, grazie a uno studio universitario è stata testata l’attività antibatterica
    della castagna nei confronti di 7 ceppi batterici: da E. Coli a S. Aureus a P. Aeruginosa.
  • Benefici sulla pelle, grazie al contenuto di antiossidanti, l’estratto di castagne potrebbe risultare utile nel migliorare l’idratazione e il danno alla pelle provocato dall’esposizione ai raggi UV.

Castagne:possibili controindicazioni

Vediamo alcune controindicazioni delle castagne. Come abbiamo detto, sono un alimento calorico e ad elevato indice glicemico. Per questo motivo in caso di obesità, forte sovrappeso, iperlipidemie, diabete mellito di tipo 2 è necessario prestare attenzione al loro consumo, che non è sconsigliato in toto ma che deve essere moderato.

Iweblab