Centrifuga: guida all’acquisto per ottimi centrifugati

Come scegliere le migliori centrifughe ed estrattori sul mercato

centrifuga per frullati

La centrifuga è un elettrodomestico che consente di preparare gustose e salutari bevande, a base di frutta e verdura. Il centrifugatore sfrutta la cosiddetta forza centrifuga che consente di sminuzzare gli alimenti inseriti all’interno, separando la polpa dal succo, ottenendo così un centrifugato privo di grumi. La polpa viene raccolta dentro l’apposito filtro e può essere riutilizzata per altre ricette. I centrifugati di frutta sono l’ideale per chi vuole condurre uno stile di vita sano e mantenersi in forma senza fatica. Possono essere consumati a colazione e a merenda oppure, nel caso dei centrifugati di verdure, possono sostituire un pasto. In questo articolo, vi forniamo una guida completa per l’acquisto della migliore centrifuga, adatta alle vostre necessità .

Centrifuga: come scegliere la migliore

In commercio, esistono tanti modelli differenti di estrattore o centrifughe, progettati per la preparazione di diversi tipi di centrifugati, in grado di soddisfare anche i palati più sofisticati. Il centrifugatore di frutta e verdura può essere acquistato sia per uso domestico sia per uso professionale, all’interno di contesti lavorativi, come bar e locali. I modelli possono avere differenti caratteristiche e accessori. Alcuni tipi di macchina per centrifugati sono integrati nei robot da cucina e generalmente non hanno una grande potenza e producono bevande scadenti.

Centrifugati migliori, invece, possono essere realizzati con macchinari appositamente progettati per svolgere unicamente operazioni di centrifugazione. Per essere sicuri di acquistare la migliore centrifuga, adatta al proprio stile di vita e di dieta condotta, è fondamentale valutarne alcuni aspetti principali, quali:

– Tipo di utilizzo e funzioni presenti;

– Capienza del boccale;

– Potenza e velocità della centrifuga;

– Costo della macchina per centrifugare frutta e verdura.

A cosa serve una centrifuga

La centrifuga, o estrattore, è un apparecchio che può migliorare e ottimizzare il consumo di frutta e verdura in casa, preparando prelibate bevande. A differenza del frullatore che si limita a ridurre in poltiglia gli alimenti, producendo frullati pieni di fastidiosi grumi e resti, la centrifuga di frutta utilizza un meccanismo innovativo che consente di separare la polpa dal succo, mentre il prodotto è in funzione. Così facendo, si possono ottenere delle centrifughe buone e sane, completamente prive di scarti. Il tipo di spremitura offerta dal centrifugatore, o estrattore, è superiore rispetto a quella fornita da altri elettrodomestici simili. Ciò consente di mantenere tutte le sostanze nutritive presenti negli alimenti, senza perderle durante il processo di centrifugazione. In questo modo, si possono preparare centrifughe di carote e verdure e centrifughe di frutta ricche di vitamine e sali minerali che migliorano la salute e favoriscono la perdita di liquidi in eccesso.

Centrifugati: come prepararli al meglio

I centrifugati possono essere preparati con qualsiasi tipo di frutta o verdura preferita. Per preparare delle gustose bevande, basta pulire gli alimenti ed eliminare le scorze dure ed eventuali semi presenti. In seguito, vanno tagliati a pezzi e inseriti nel macchinario, in modo da essere centrifugati in maniera ottimale. Per assumere tutte le proprietà nutritive del centrifugato, quali minerali, fibre e vitamine, si consiglia di consumare la bevanda entro poche ore dalla preparazione. Infatti, tali proprietà tendono a degradarsi rapidamente nel corso del tempo, rendendo il centrifugato povero di nutrienti. Generalmente, comunque, tutti i frullati di frutta possono essere tenuti in frigo solo 24 ore, prima di perdere la loro efficacia. Per questo motivo, è preferibile consumarli subito dopo averli preparati, a colazione o durante la giornata. Un’idea è lo smoothie alla fragola delizioso specialmente nel periodo estivo e con poche calorie.

Estrattori o Centrifughe: le differenze

Molto spesso si sente parlare di prodotti come estrattore o centrifuga in maniera analoga, come se si trattasse del medesimo elettrodomestico. In realtà , seppure svolgano funzioni simili, questi due prodotti possono offrire prestazioni diverse che possono portare il consumatore a prediligere uno piuttosto che l’altro.

Ecco le principali differenze tra estrattore e centrifuga:

– La macchina per centrifughe utilizza la forza centrifuga che attraverso rotazioni ad altissima velocità, è in grado di separare il succo dalla frutta e/o verdura. Al contrario, l’estrattore utilizza un movimento di macinazione, simile alla masticazione. Anche in questo caso, polpa e succo vengono divisi e raccolti in contenitori differenti. Rispetto alla centrifuga, l’estrattore riesce a raccogliere maggiori quantità di succo e garantisce bevande ricche di vitamine e fibre;

– L’estrattore è esteticamente simile alla centrifuga per frutta, tuttavia presenta dimensioni maggiori e può risultare più complesso da smontare, durante le procedure di manutenzione. Al contrario, la centrifuga di piccole dimensione risulta più semplice da pulire a da tenere in casa;

– L’estrattore presenta una potenza di spremitura maggiore rispetto alla centrifuga, tuttavia lavora a basse velocità e può impiegare un tempo più lungo per la preparazione del centrifugato;

– La centrifuga prepara centrifugati in tempi rapidi, tuttavia può risultare molto rumorosa, a differenza dell’estrattore che macina la frutta e la verdura in maniera silenziosa.

Le prestazioni della centrifuga

Per la scelta della miglior centrifuga da acquistare è fondamentale valutare le prestazioni che l’elettrodomestico è in grado di offrire, per comprendere se è capace di soddisfare le proprie aspettative. Ecco quali sono le principali prestazioni delle migliori centrifughe:

– Potenza: la potenza delle centrifughe viene espressa in Watt. Maggiore è il numero dell’unità di misura, più potente risulterà il macchinario. In commercio, si trovano modelli con differenti potenze. Solitamente i modelli base vanno dai 200 W fino ai 1000 W, mentre quelli professionali possono raggiungere anche un wattaggio superiore. La centrifuga migliore è quella con una potenza intermedia, in grado di centrifugare buone quantità di frutta e verdura in tempi brevi e producendo un consumo elettrico moderato;

– Velocità: si tratta della rapidità con cui le lame girano all’interno del macchinario, macinando gli alimenti. Generalmente, i modelli di centrifuga economici presentano una singola funzione di velocità mentre quelli di fascia medio alta possono avere diversi livelli di velocità e offrire prestazioni personalizzate, a seconda del tipo di alimento che si desidera centrifugare. Più è alta la velocità, minore sarà il tempo impiegato per la preparazione del centrifugato di frutta;

– Capienza: questa caratteristica fa riferimento alla grandezza del boccale della centrifuga. Solitamente, le centrifughe economiche hanno una capienza di circa 1 litro e presentano un tappo salva freschezza incluso, per mantenere alta la qualità delle bevande. I modelli professionali, invece, hanno una capienza maggiore che può andare da 2 litri, fino a raggiungere anche i 3 litri. Quest’ultimi vengono consigliati solo nel caso in cui si faccia un uso molto frequente della centrifuga e si necessiti di preparare ingenti quantità di centrifugati. Si tratta dei modelli professionali utilizzati nei bar e nei locali adibiti alla vendita di bevande.

– Accessori: gli accessori sono dei strumenti optional che possono essere venduti insieme alla centrifuga per migliorarne le prestazioni. Solitamente si tratta di filtri particolari che consentono di raccogliere i resti della frutta o verdura, in modo da ottenere delle bevande professionali. Altri accessori sono le lame che possono essere intercambiabili a seconda del tipo di alimento che si vuole sminuzzare. Ancora, possono essere forniti in dotazioni degli accessori per la manutenzione del prodotto che possono facilitarne la pulizia e la conservazione nella dispensa. Infine, altri accessori possono essere quelli inerenti alla sistemazione del prodotto su differenti superfici, come ad esempio piedini di gomma per superfici scivolose.

I prezzi delle centrifughe

Le centrifughe sono elettrodomestici di fascia medio bassa con costi accessibili. Generalmente i prezzi variano a seconda delle caratteristiche del prodotto scelto, al marchio e alle prestazioni offerte. Il costo medio per una centrifuga economica si aggira intorno ai 30 euro, mentre i prezzi di centrifughe migliori possono salire fino a 100 euro. Si tratta di prodotti per uso domestico che possono facilitare la preparazione di bevande salutari durante la vita quotidiana. Solitamente, le migliori centrifughe sono quelle in grado di centrifugare verdure e tutti i tipi di frutta, in poco tempo e con un ridotto consumo elettrico, offrendo così un vantaggioso rapporto qualità prezzo.

Loading...
Lorita Russo
Sono l' Amministratrice e Responsabile Marketing di Quotidianpost.
Potrebbero interessarti anche