Cinema 2015:”Everest”

everesr

Uno dei film più emergenti di questo 2015, sarà Everest, diretto dal regista Baltasar Kormákur e disponibile nelle nostre sale a partire dal 24 settembre. Everest e’ ispirato a racconti realmente accaduti, durante una spedizione molto pericolosa volta  a raggiungere  la cima della montagna più ‘ alta del mondo.Il film racconta le peripezie del viaggio di due diverse spedizioni messe in gioco oltre i loro limiti da una delle più feroci tempeste di neve mai affrontate dall’uomo. Il loro coraggio sarà sottoposto ad una prova molto dura dove gli scalatori dovranno affrontare ostacoli al limite dell’impossibile come l’ossessione di una vita intera che muta in una lotta mozzafiato per la sopravvivenza.Un film che assume non solo un aspetto drammatico e avventuriero ma coglie anche un aspetto sociologico dell’uomo inserito in una società ristretta come quella di un gruppo di persone alla conquista della cima più alta del mondo, ma pur sempre una società fatta di legami, interdipendenze, collaborazioni e momenti di piccolo o grande egoismo.
Ma, siccome la montagna rappresenta anche silenzio, asprezza, essenzialità, Everest evita le selve della retorica o la leziosità balneare, lasciando che i sentimenti rimangano custoditi  e rocciosi, e le lacrime non siano fiumi in piena ma ruscelli appena accennati, provenienti da pezzi di ghiaccio che si sciolgono lentamente.
Col grande aiuto indispensabile di un cast alimentato e solidissimo (Jason Clarke, Jake Gyllenhaal, Elizabeth Debicki, Josh Brolin, John Hawkes, Robin Wright, Sam Worthington, Keira Knightley, Emily Watson e Martin Henderson: in Everest si fa squadra anche in questo, e non esistono solisti), Kormákur  ricerca e trova l’equilibrio tra prolissità scenografica, grandiosità del gesto e fragilità dei sentimenti, raccogliendo i frutti del suo lavoro suscitando la commozione derivante da un amore mai urlato e da un nome di bambina che vuol dire futuro.

 

Loading...
Sono nata a Salerno il 13/03/91.Vivo a Roma da circa tre anni dove sto per conseguire la Laurea triennale in Sociologia, presso l'università degli studi La Sapienza.Pertanto lavoro per due giornali della mia città natale: Salernoinweb e Cronache Del Salernitano. La mia passione più grande è il giornalismo.
Potrebbero interessarti anche