Come in un film di Mario Merola: evade per partecipare al battesimo della figlia

m

Proprio come in un film del Re della sceneggiata napoletana, Mario Merola: Carcerato. Una pellicola del 1981, diretta da Alfonso Brescia e interpretata da Mario Merola e Regina Bianchi. Fanno parte del cast anche Aldo Giuffrè e Sergio Castellitto al suo esordio cinematografico.

Protagonista è Francesco Improta (Merola), accusato ingiustamente dell’omicidio di Giuseppe Ascalone, amante della moglie Lucia, e si trova in prigione, dove canta straziato sia per la lontananza della madre, vecchia e malata, che per l’impossibilità di poter partecipare e cantare alla Prima Comunione della figlia Fiorella.

Loading...

Riuscito a fuggire, l’uomo arriva in tempo per la cerimonia, riconciliandosi con la moglie. Uscito dalla chiesa per riconsegnarsi alla giustizia, avrà una sorpresa e scopre che è stato Nicola Esposito a uccidere Ascalone.

carcerato_mario_merola_alfonso_brescia_003_jpg_uiswIn provincia di Napoli è accaduta una cosa simile. L.C., 32enne di San Gennaro Vesuviano, in carcere per detenzione e porto illegale di armi nonché per lesioni aggravate, aveva avuto il permesso per partecipare alla funzione religiosa in chiesa per il battesimo della figlia. Ma evidentemente non gli è bastato, e si è recato anche al banchetto. Nel pomeriggio i carabinieri sono così passati per la sua abitazione ma non hanno trovato il 32enne, rintracciato più tardi nel ristorante in cui si stava tenendo il ricevimento per la bambina.

Dunque è tornato in carcere con l’accusa di evasione dagli arresti domiciliari. Chissà, magari dietro le sbarre intonerà l’omonima canzone cantata da Mario Merola nel film: Carcerato.

Potrebbero interessarti anche