Correndo con le forbici in mano, un film particolare

bscap0052

Correndo con le forbici in mano è un film del 2006 di Ryan Murphy, tratto dall’omonimo romanzo autobiografico di Augusten Burroughs. Il regista dopo la serie tv di successo Nip/Tuck, debutta al cinema con un lavoro ingegnoso e stravagante.

La commedia dalle tinte indie mostra una famiglia disfunzionale. Il tutto è narrato dal giovane figlio omosessuale. Augusten Burroughs ha un padre assente e una madre ossessionata dalla scrittura. Dopo la separazione dei due, il ragazzo viene dimenticato e trasferito nella casa del dottor Finch, il pazzo e sopra le righe psichiatra della madre. Il personaggio, che formula strane teorie psichiatriche, è idolatrato dai suoi pazienti. L’uomo è in realtà un pessimo soggetto, deruba e peggiora le condizioni di salute della madre di Augusten e adotta il giovane.

Attraverso i pensieri dell’adolescente vediamo sullo schermo i passi di due nuclei famigliari bizzarri e a tratti morbosi.

La forza di questo film sta nel cast brillante. Tutti gli attori si calano eccellentemente nelle loro parti. Senza i volti e le espressioni degli interpreti la pellicola non reggerebbe.

L’autore inoltre, mostra come dietro la patinatura si scorgano spesso delle brutture, nemmeno tenute così nascoste. L’America immortalata non è un sogno, ma un incubo. Le nevrosi e le problematiche rischiano di sotterrare i protagonisti.

Il film sotto certi aspetti non regge, alcune situazioni sono davvero estremizzate, ma l’umorismo nero sapientemente mescolato a scenografie luminose e colorate rende godibile il tutto. Quello che viene più volte sottolineato è che nulla è perfetto. Dentro una casa possono nascondersi le peggiori cose.

Che resta da fare? Il giovane sceglie la fuga. Meglio cercare in un luogo altro, sperando di trovare una nuova vita.

Potrebbero interessarti anche