Covid-19: creato un tessuto che uccide il virus

La ricerca è stata condotta da un gruppo di ricercatori dell'Università di Houston

Photo Credit: Pixabay

Gli studi sul Coronavirus non si fermano mai. I ricercatori dell’Università di Houston hanno realizzato un nuovo filtro capace di intrappolare e uccidere il Sars-cov-2. Il tessuto composto da una schiuma di nickel è poroso e grazie alle sue caratteristiche uccide tutte le particelle del virus sotto forma di aerosol, sospeso in aria. I risultati della straordinaria ricerca sono stati pubblicati sulla rivista Materials Today Physics.

Lo studio

Gli scienziati hanno creato il filtro utilizzando il nickel commerciale riscaldato a 200 gradi che forma una sorta di tessuto poroso e bucherellato riuscendo cosi a bloccare il virus. La schiuma di nickel è conosciuta per essere flessibile è porosa. Il nuovo filtro è stato testato dai ricercatori al Galveston National Laboratory, un laboratorio dell’università del Texas che si occupa dello studio e della diagnosi delle malattie tropicali.

Hanno analizzato un campione di sars-Cov-2 sotto forma di aerosol concentrato in aria e messo a contatto con il filtro. E’ stato osservato che il materiale in questione è riuscito ad annientare il virus nella sua totalità il 99,8%. Stesso successo è avvenuto per un campione di spore di antrace il batterio Bacillus antracis che causa un’infezione mortale ma per fortuna raramente, in questo caso il 99,9% delle spore sono state eliminate dal filtro.

Bloccare il contagio via aerosol

Gli scienziati potrebbero fornire una nuova tecnologia contro la trasmissione di malattie via aerosol cioè con frammenti di saliva minuscoli inferiori ai 5 micrometri non dimenticando di utilizzare le mascherine che sono essenziali. Ma l’organizzazione mondiale della Sanità l’OMS ribadisce che il contagio avviene tramite altre fonti di trasmissione e che quello aerosol potrebbe non rientrare fra le principali vie di trasmissione.

Ma molti scienziati non sono d’accordo e ritengono che la trasmissione via aerea non sia da sottovalutare.

Il ricercatore del nuovo studio Zhifeng Ren ha dichiarato “potrebbe essere utile negli aeroporti e a bordo degli aerei, negli uffici, nelle scuole e sulle crociere per fermare la diffusione dell’infezione Covid-19“. L’intenzione è quella di creare un modello da poggiare sulle superfici ad esempio sulla scrivania in grado di purificare l’ambiente e successivamente di utilizzare il filtro in altri luoghi ad elevato rischio contagio come scuole, ospedali,strutture sanitarie e mezzi pubblici.