Draghi: condono cartelle esattoriali. Ecco quali cartelle verranno condonate

Stop alle cartelle esattoriali dal 2000 al 2010

Sciolta la questione cartelle esattoriali, nella conferenza stampa di ieri. A essere condonate saranno le cartelle esattoriali dal 2000 al 2010, e non quelle fino al 2015 come si era inizialmente proposto, con un tetto fino a 5000mila euro. Inoltre, il condono avverrà solamente per coloro il cui reddito 2019 non superi i 30.000 euro. Questo vorrà dire dunque che le cartelle esattoriali condonate saranno 16 milioni e non 60 milioni, come si era inizialmente preventivato.

Tuttavia, come ricordato da il Sole24ore, restano escluse dal condono le multe stradali, i pagamenti di danni erariali e i debiti per il recupero di aiuti di Stato.

- Advertisement -

Il decreto contempla anche un nuovo stop fino al 30 aprile alle notifiche delle nuove cartelle. Il Fisco già dal 1° marzo aveva infatti rimesso in moto la macchina. Anche se a basso regime, gli uffici in questi ultimi 20 giorni hanno ripreso a consegnare a imprese e cittadini in debito con il Fisco e con l’Inps sia le cartelle sospese dall’8 marzo del 2020, sia quelle nuove emesse proprio dal 1° marzo.

Francesca Angelica Ereddia
Francesca Angelica Ereddia
Classe 1990, Laureata in Giurisprudenza, siciliana, una passione per la scrittura, la musica e l'arte. Per aspera ad astra, dicevano. Io, nel frattempo, continuo a guardare le stelle.