Ecco perchè non bisogna mangiare uva di sera

Gli esperti raccomandano di mangiare l'uva ma non la sera

Photocredit: Pixabay

Non tutti lo sanno ma mangiare l’uva di sera fa male al nostro corpo, la conferma arriva proprio dagli esperti che in modo assoluto sconsigliano di mangiare questo frutto nelle ore serali della giornata. L’uva è composta per il 96% di carboidrati e solo per il 3% da proteine e 1% di grassi, per le sue peculiarità viene spesse volte consigliata dai dietologi e dai dottori nelle diete come spuntino ma al tempo stesso sconsigliano di mangiarla la sera, o peggio ancora, di notte.

L’uva fa male la sera il motivo è il seguente:

Il motivo è piuttosto semplice, l’uva, oltre ad essere ricca di vitamine A, B, C, E, è anche ricca di zuccheri. Abbinare questo frutto ad altri alimenti può aumentare eccessivamente l’indice glicemico ed è per questo che gli esperti consigliano di consumarla come spuntino in mattinata o nel pomeriggio, magari accompagnata da altra frutta. Lo zucchero contenuto nell’uva, se viene assunto di sera, non riesce a trasformarsi in energia (a causa del sonno) ed inevitabilmente va ad incidere in modo negativo sull’indice glicemico creando così problemi all’organismo. Lo zucchero in eccesso può causare determinati effetti collaterali come iperattività notturna o eccitazione al feto nelle donne incinte. 

Esistono però tantieffetti positivi dell’uva 

L’uva è un frutto che possiede elementi nutritivi davvero importanti per il benessere del corpo. È ricca d’acqua, ha un ottimo contenuto di sali minerali come il fosforo, il calcio, lo zinco, il potassio, il rame, sodio ecc ed ha inoltre un buon contento di fibre. L’uva inoltre contiene preziosi flavonoidi ovvero importanti antiossidanti capaci di incidere sul rallentamento dell’invecchiamento delle cellule che compongono il corpo e di contrastare l’azione negativa dei radicali liberi presenti all’interno dell’organismo. Insomma la composizione chimica dell’uva è davvero molto interessante, ricca di elementi preziosi, ed è per questo che in molti consigliano di consumarla qualche volta a settimana come merenda pomeridiana o mattutina.