Fan di Vasco Rossi truffati: durante il tour del 2018 oltre 1400 biglietti sono risultati fasulli

La polizia ha sgominato una banda di cyber criminali che vendeva biglietti non autorizzati, truffando i fan che avevano acquistato i ticket per il concerto del 2018.

La polizia è riuscita a sgominare una banda di criminali che erano riusciti a clonare il sito di vendita di ticket online Vivaticket truffando migliaia di fan di Vasco Rossi. Nel 2018 il rocker era tornato negli stadi italiani con il tour Modena Park, registrando vendite record per un totale di 10 tappe e circa 455mila spettatori. Non tutti i fan però sono riusciti ad assistere alle esibizioni del loro beniamino: molti di essi, infatti, avevano acquistato biglietti che si sono rivelati fasulli.

A seguito delle centinaia di segnalazioni dei fan arrivate alla società Best Union Company S.p.A, unica autorizzata a vendere i biglietti del concento, la Polizia Postale ha provveduto ad effettuare alcune indagini che hanno portato alla luce ben otto siti clonati. I fan, infatti, una volta arrivati ai varchi nel giorno del concerto hanno realizzato con loro tremenda delusione che non esisteva alcuna biglietteria presso cui poter ritirare i biglietti acquistati mesi prima e che il codice in loro possesso non era valido.

I siti clonati riportavano illegalmente il marchio Vivaticket

Gli otto siti clonati erano stati realizzati, richiamando alla perfezione nella grafica gli elementi del celebre sito di vendita online Vivaticket, utilizzando quindi illegalmente il loro marchio. Le vittime e l’importo versato ai truffatori ha fatto pensare agli investigatori della Procura della Repubblica di Bologna Luca Aalfredo Davide Venturi, che l’ammontare della truffa si aggiri intorno ai 500mila euro. Per quanto riguarda i truffatori, invece, sia i siti che le sim telefoniche erano intestate a dei prestanome: un sessantunenne di Padova  e un quarantrenne moldavo sempre residente a Padova titolare di una società di carpenteria.