Follia omicida a Napoli

sparatoria

Follia a Secondigliano, Napoli. Un uomo G. M. quarantottenne infermiere all’ospedale Cardarelli, incensurato, ha ucciso la cognata e il marito di lei e poi si è barricato in casa, sparando indiscriminatamente contro i passanti. I fatti sono successi nel pomeriggio di oggi 15 maggio. Bilancio della sparatoria quattro morti tra cui,  un vicino di casa tenente dei vigili, il fratello, la cognata e passanti che passavano alcuni in scooter; più di 6 feriti tra cui uno grave che versa in gravi condizioni.

La follia omicida sarebbe scattata per utili motivi: secondo prime ricostruzioni, tutto sarebbe cominciato a causa di un filo per il bucato che probabilmente occupava l’area dell’ infermiere quarantottenne. Per diverse ore tutti i vicini hanno temuto il peggio dato che il cittadino ha minacciato di sparare ad alcune bombole del gas che aveva dentro casa, finendo col fare saltare tutti in aria.

Loading...

Ma nel primo pomeriggio la resa e la consegna incondizionata alle forze dell’ ordine dopo una trattativa durata diverso tempo. L’arma del delitto, è uno dei fucili che l’infermiere aveva regolarmente in casa, essendo un appassionato di caccia.

Potrebbero interessarti anche