Funzione Multidispositivo: la novità di WhatsApp

La funzione arriverà entro la fine del 2020

funzione multidispositivo
PhotoCredit: Pixabay

L’app di messaggistica WhatsApp sta portando avanti i lavori sulla funzione Multidispositivo, con la quale gli utenti potranno usare lo stesso profilo su più dispositivi contemporaneamente. Per ora, l’opzione è ancora in via di sviluppo, sono infatti partiti solamente dei test interni, allo scopo di migliorarla, ma potrebbe arrivare presto. Prepariamoci ad accoglierla, scoprendo cos’è e come funzionerà.

Cos’è la funzione Multidispositivo

Secondo alcune indiscrezioni sul Web, pare che nel codice della versione 2.20.196.8 di WhatsApp beta, siano state scoperte alcune novità sul nuovo strumento. Sembra che si potrà utilizzare lo stesso account WhatsApp su un massimo di quattro dispositivi contemporaneamente. Molti si chiederebbero se così la sicurezza risulti diminuita; proprio per evitare problemi in questo senso, è stata aggiunta una nuova voce all’interno del menù principale, che permette di verificare quali sono i dispositivi collegati allo stesso profilo.

L’impostazione si chiama “Linked Devices”. Una soluzione “a prova di spia”. Infatti, qui potremo decidere quali dispositivi eliminare, per fare posto ad uno nuovo o verificare quali sono i device che non si conoscono e l’orario con l’ultimo accesso effettuato. Oltre ad essere una valida opzione, la funzione è l’ideale per coloro che hanno necessità di utilizzare l’app su più dispositivi per motivi di lavoro, oppure, in caso di due device a disposizione, si eviterebbe il problema di disinstallare l’app sul primo telefono, ma anzi poterlo utilizzare su entrambi.

Altri aggiornamenti WhatsApp

Oltre al Multidispositivo, WhatsApp sta lavorando anche sulla nuova ricerca avanzata. Nella nuova interfaccia, premendo su “Ricerca”, appariranno sullo schermo delle piccole icone con scritto: Foto, Video, Link. Gif, Audio e Documenti, in modo da semplificare la vita degli utenti. Per il momento entrambe le novità non hanno ancora una data di rilascio. Si pensa comunque che possano arrivare entro la fine del 2020. Trattandosi di strumenti che potrebbero avere un certo peso sull’applicazione, gli sviluppatori stanno lavorando al meglio e con un po’ più di calma, per evitare di commettere errori che possano danneggiare l’app, soprattutto per quanto riguarda la questione privacy e sicurezza.

Leggi anche: vocali su whatsapp ora si ascoltano anche dalle notifiche