Huawei: Sul nuovo sistema operativo c’è stato un totale dietrofront

La controversia tra Huawei e il Governo Usa sembra essere stata accantonata, il nuovo HongMeng OS non sarà installato sugli smartphone

Huawei: Sul nuovo sistema operativo c'è stato un totale dietrofront

A quanto pare su HongMeng OS, il nuovo sistema operativo firmato Huawei ci sarebbe stato un clamoroso dietrofront. Contemporaneamente, però ci sono buone notizie per gli aggiornamenti su Android e Play Store per i nuovi smartphone in uscita.

Huawei: Il dietrofront sul nuovo sistema operativo

Ren Zhengfei, il solo CEO di Huawei, ha dichiarato che HongMeng OS non sarà installato sugli smartphone del celebre marchio cinese. In quanto, sarà disponibile solo su Smart Tv e automobili con guida autonoma.

Infatti, tutti gli smartphone firmati Huawei e Honor continueranno a girare sul sistema operativo del robottino verde, ovvero Android. Questo, dunque sembrerebbe proprio un definito passo indietro per quanto riguarda l’utilizzo di HongMeng OS sui dispositi mobili.

Google cerca di fornire tutti i suoi servizi

A quanto pare, i ban imposti a Huawei dal Governo americano sembrano essere stati definitivamente superati. Infatti, anche Google sta cercando in tutti i modi di poter continuare a fornire i propri servizi al marchio cinese.

Tanto è vero, che Kevin Ho (il presidente della divisione Mobile Huawei) ha dichiarato che le due società stanno trattando per far continuare la loro collaborazione. Quindi, appare sempre più evidente che gli smartphone Huawei continueranno ad avere come sistema operativo proprio Android.

Questo vuol dire che, queste condizoni valgono per tutti i dispositivi mobili presenti e futuri disponibili sul mercato. E, ovviamente il nuovo Mate 30 non farà eccezione. Finalmente tutti gli utenti Huawei possono tirare un sospiro di sollievo, perché si sta lavorando per continuare a garantire tutti i servizi Google e gli aggiornamenti del Play Store.

Alle luce di questi nuovi importantissimi sviluppi, sembra proprio che tra gli Usa e il marchio cinese più che una controversia, si sia solo alzato un gran polverone. Che, fortunatamente si è risolto senza creare troppi disagi agli utenti Huawei visto che la minaccia del ban sembra lontanissima.

Leggi anche HONOR Band 5 sarà in grado di misurare l’ossigeno nel sangue


Quotidianpost.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Iweblab