I migliori panettoni d’Italia a Milano, 30 novembre e 1 dicembre

Appuntamento sabato e domenica

Il panettone un connubio di maestria, é il dolce natalizio preferito in Italia, leggero morbido e fruttato, vanta una lunga storia e tradizione. Questo fine settimana a Milano, i maestri del panettone, che vantano la conoscenza dell’antica arte della lievitazione dolce, presenteranno i loro migliori panettoni utilizzando rigorosamente la ricetta tradizionale.

Come negli scorsi anni, anche quest’anno il festival dei “I Maestri del Panettone” renderà felici i visitatori. I pasticceri si esibiranno con le loro prelibatezze, lezioni, degustazioni guidate, e con la possibilità di portare a casa i migliori prodotti della gastronomia natalizia italiana.

I panettoni sono realizzati con lievito madre, da maestri artigianali che vantano esperienza pluriennale. Acquista il biglietto d’ingresso e riceverai dei coupon di pari valore per l’acquisto di due panettoni da 1 kg.

Dove si svolge il festival dei maestri pasticceri e prezzi del biglietto

Il festival inizierà il 30 novembre dalle 10.00 fino alle 19.30 di sabato e continuerà anche il primo dicembre domenica fino alle 18.00. La sede é nella nuova ala Cavallerizze del Museo Nazionale della Scienza e Tecnologia in Via Olona 6, vicino la stazione M2 di S Ambrogio. 

I biglietti costano € 5, disponibili sul sito, per i bambini fino a 12 e gli over 70 l’ingresso è gratuito. Coloro che mostreranno un abbonamento Trenord avranno diritto a ricevere 2 biglietti al prezzo di uno. Inoltre potrete visitare con uno sconto il Museo Nazionale della Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci semplicemente mostrando il biglietto acquistato per l’evento. Pagherete solo 7,50 € invece di 10 €.

La vera storia del panettone

La vera storia del Panettone non è nota, ma si narra che un apprendista pasticcere riuscì a creare il panettone per conquistare la mano della figlia del suo capo. Mentre si tramanda anche un’altra storia, quella dello chef di cucina al servizio di Ludovico il Moro. Quest’ultimo per errore bruciò il dolce preparato per un’importante festa di Natale. Un ragazzo di nome Toni, propose allo chef di improvvisare, con burro, farina, uvetta, uova e scorza di cedro fece realizzare il dolce oggi chiamato “panettone”. I commensali ne furono entusiasti e chiesero al cuoco il nome del dolce, lui rispose ” se il pan de Toni ” da qui il panettone.

Un aiuto per il sociale

I visitatori potranno fare una donazione aggiungendo € 1 extra, il ricavo Sara devoluto all’ONG no profit Azione contro la fame 

Leggi anche: Come riciclare il panettone, 7 idee

Iweblab