Il Superbonus 110% prevede l’applicazione dell’equo compenso grazie al decreto Ristori

Con il Decreto Ristori diventa obbligatorio applicare l'equo compenso anche nei compensi al professionista, agevolati dal superbonus 110%

Il Senato ha approvato in seduta parlamentare il disegno di conversione in legge del Decreto Ristori. All’interno del nuovo testo è stato introdotto l’obbligo di applicare la disciplina sull’equo compenso nell’ambito del superbonus 110%.

Il testo che si legge all’interno dell’emendamento approvato è il seguente:

- Advertisement -

Nell’ambito delle procedure previste per le detrazioni fiscali in materia di edilizia ed energetico sotto forma di crediti di imposta o sconti sui corrispettivi, cedibili ai soggetti interessati dalla vigente normativa, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari, è fatto obbligo nei confronti di questi, l’osservanza delle disposizioni previste in materia di disciplina dell’equo compenso“.

Ecco chi coinvolge il nuovo obbligo

La nuova norma riguarda gli incentivi con superbonus da 110% e i professionisti impegnati nelle consulenze e negli adempimenti tecnici che aiutano i cittadini ad usufruire della detrazione.

- Advertisement -

Non parliamo solo di costruttori ma anche di commercialisti, geometri, ingegneri, fiscalisti, tutte consulenze professionali che i clienti richiedono prima, durante e dopo dei lavori. Ogni professionista e consulente risponderà e applicherà questa norma anche secondo le disposizioni dei rispettivi ordini o collegi professionali.

Che cos’è l’equo compenso e perché è importante nella disciplina Superbonus 110%

La disciplina dell’equo compenso è diventata definitiva il 6 dicembre 2017, il testo è nella Gazzetta Ufficiale numero 284 del 5 dicembre 2017. Introduce il concetto che il compenso per i professionisti risulta proporzionato alla quantità e alla qualità del lavoro svolto secondo determinati parametri. La disciplina introduce l’accusa di clausole vessatorie a tutti quei comportamenti che tendono a creare uno squilibro contrattuale a sfavore del professionista.

- Advertisement -

L’equo compenso applicato anche al Superbonus 110% deve considerare il contenuto della Legge di Bilancio 2018 e del decreto legge del 2017, il Decreto Parametri del DM 17 giugno 2016. Inoltre, tutte le sentenze processuali (dalle prime udienze fino alla cassazione) prodotte in questi anni sulla materia.

Il Superbonus 110% è nato per aiutare i contribuenti ad avere sconti importanti fino all’azzeramento dei costi per lavori importanti di costruzioni. L’incentivo è nato anche per sostenere il settore edilizio fortemente compromesso dalla crisi di quest’anno. Questo emendamento permette ai professionisti di proteggere il proprio lavoro e i compensi derivanti da tentativi di ribasso non giustificati.

Iole Di Cristofalo
Iole Di Cristofalo
Articolista e web copywriter