Imu 2020: tutte le novità introdotte dalla legge di bilancio

Addio alla Tasi e ai servizi indivisibili

Con la nuova legge di bilancio cambia l’IMU per il 2020. Tra le varie novità previste dalla manovra, anche l’aboliziano della TASI che verrà inglobata dall’IMU. Vediamo insieme di cosa stiamo parlando nel concreto.

Cosa sono l’Imu e la tasi?

L’imposta municipale propria (IMU). Fa parte delle imposte di tipo patrimoniale. E si applica al possesso di fabbricati. Sono escluse le abitazioni principali classificate nelle categorie catastali diverse da A/1, A/8 e A/9, di aree fabbricabili e di terreni agricoli. E’ dovuta dal proprietario o dal titolare di altro diritto reale, dal concessionario nel caso di concessione di aree demaniali e dal locatario in caso di leasing. Manovra che colpisce abbondamentemente i proprietari immobiliari. Diversa invece è la TASI che è un tributo sui servizi indivisibili.

- Advertisement -

I servizi invisibili, sono tutti quei servizi offerti alla collettività. E in altre parole non sono distinti a singolo individuo. E’ un’imposta che viene pagata al comune, insieme all’imu e alla tari (tassa sui rifiuti). Introdotta con la legge finanziaria del 2014. L’imu perciò è un imposta, mentre la Tasi una tassa sui servizi. E’ bene ricordare che hanno natura differente.

Ma cosa cambia con la nuova IMU 2020?

A partire dal 1 gennaio 2020 la Tasi sarà abolita. Si pagherà una sola tassa sull’immobile. Rimane però una tassa solo sulle seconde case in poi. Restano salve le prime case, ad esclusione del fatto che siano immobili di lusso. Per quanto riguarda le abitazioni di lusso adibite ad abitazione principale, i Comuni potranno aumentare l’aliquota di base pari allo 0,5% solo dello 0,1%. La nuova IMU avrà un’aliquota dell’8,6 per mille. Ma i sindaci potranno aumentare fino a un massimo di 2 punti, oppure azzerarla. Sempre con delibera comunale sarà fissata la quota Imu da versare. Ciò significa che le amministrazioni locali avranno maggiorni poteri. I comuni non dovranno più elencare i servizi indivisibili richiesti dall’ormai vecchia Tasi.

- Advertisement -

Come si paga la nuova Imu 2020?

Per quanto riguarda le scadenze da pagare non cambia proprio nulla. Le date rimangono 16 giugno e 16 dicembre di ogni anno. I metodi di pagamento previsti sono:

  • modello F24;
  • Bollettino postale compatibile con il modello F24;
  • piattaforma PagoPa.

E’ in proposta la possibilità di poter inviare un precompilato ad ogni cittadino italiano. La nuova IMU non dovrebbe comportare comunque un aumento della spesa a carico dei proprietari. L’articolo 95 della legge di bilancio così recita: “Occorre mettere in evidenza che la manovra è stata strutturata ad invarianza di gettito e quindi in modo tale da non determinare un aumento della pressione fiscale“. Non ci resta che aspettare gli sviluppi in seguito alle decisione comunali. Buon Anno!