Keen, l’app che sfrutta l’intelligenza artificiale

Disponibile sul Play Store, Keen batte Pinterest con l'intelligenza artificiale

intelligenza artificiale
Photo Credits: Pixabay

Google colpisce ancora: questa volta con un progetto basato sull’intelligenza artificiale che vuole essere una sfida aperta a Pinterest. Keen è una nuova applicazione il cui obiettivo di base, è il reperimento rapido di ogni tipo di contenuto multimediale e testuale presente in Rete ed un’elevata personalizzazione dei suggerimenti in base ai gusti e ai bisogni dell’utente.

Archivia, condividi, personalizza

L’ideatore CJ Adams racconta che il progetto di Keen è nato quando una sera, insieme a sua moglie, si è trovato a cercare del materiale relativo ai loro hobby. Proprio la necessità di avere a portata di mano quei contenuti, di catalogarli e di condividerli, è stata la base di partenza per la realizzazione e lo sviluppo di Keen. L’app infatti permette di archiviare e condividere informazioni e contenuti per noi interessanti in un unico spazio.

Da questo punto di vista, Keen si può dire che sia molto simile a Pinterest, pensato per soddisfare il bisogno degli utenti, di salvare e catalogare contenuti web. Tuttavia la nuova piattaforma differisce da quest’ultima sia per la possibilità di condividere le proprie cartelle con altri utenti, sia per l’utilizzo dell’intelligenza artificiale per affinare la personalizzazione dei contenuti. Keen infatti è stata creata da CJ Adams e Area 120 di Google, in collaborazione con People + AI Research (PAIR), che sfrutta l’intelligenza artificiale per migliorare i servizi in base all’apprendimento delle scelte umane.

Come usare e configurare Keen

Sei curioso di provare Keen? L’applicazione è già disponibile su Google Play. Dopo averla scaricata ed installata, potrai scegliere se accedere sincronizzando il tuo account Google oppure crearne uno nuovo. Fatto questo visualizzerai una schermata con diversi contenuti, da articoli a foto e video, luoghi e locali. Potrai perfino salvare contenuti sui ristoranti che ti interessano in base alla città o al menù.

Se ti interessa la bacheca di un altro utente (con account pubblico), ti basterà premere sul suo nome per visualizzare le sue cartelle e salvare i suoi contenuti, aggiungendoli alla tua cartella personale (keen). Per creare un tuo keen dovrai premere il segno +, in alto nella schermata principale: una volta assegnato un titolo, potrai inserire tutti i contenuti che fanno parte di quella categoria. Per aiutarti, Google ti suggerirà dei contenuti in base alle parole chiave del titolo o a quelle scelte tra i tag, ma si possono aggiungere altri elementi trovati in “Explore”.

La categorizzazione personalizzata delle cartelle è utilissima per ritrovare più facilmente quello che ci interessa in base ad hobby, passioni o interessi. I keen possono essere privati o pubblici e ogni materiale può essere condiviso. Un’ottima soluzione quando si collabora o si lavora insieme ad un progetto.

Un’altra opzione particolare è la gemma: toccandola potrai salvare i contenuti che ti interessano e che permettono all’A.I. dell’applicazione di suggerirti contenuti simili, affinando di volta in volta l’affinità con i tuoi salvataggi.

Per il momento l’applicazione è disponibile solo sul Play Store di Google, ma si pensa ad una versione anche per iOS.