La Ninnananna di Stefania: la canzone contro la guerra di Umberto Canino

Un brano dedicato a tutte le madri ucraine, sperando che possano riabbracciare presto i loro figli.

È disponibile su tutte le piattaforme digitali il nuovo singolo di Umberto Canino, La Ninnananna di Stefania, prodotta dalla label Rossodisera Records e da Tony Ciara.

Un brano travolgente, ricco di sentimenti, messaggi, contaminazioni e collaborazioni, per un adattamento in italiano e in una versione più moderna di Stefania dei Kalush Orchestra (vincitori dell’Eurovision Song Contest 2022).

- Advertisement -

Umberto Canino: “Scrivo, canto e recito per raccontarvi un altro tipo d’amore, quello tra più persone, quello verso l’intera umanità”

Artista poliedrico e dall’animo nobile. Con estrema destrezza e abilità riesce a coniugare varie forme d’arte facendosi autentico promotore di messaggi positivi. Attento osservatore, interprete onesto e genuino della realtà e del sentimento. Sentimento ed emozione, infatti, si intrecciano e prendono forma nell’arte musicale di Umberto Canino, artista siciliano di nascita e romano d’adozione.

La musica si rivolge a tutti e, grazie alla sensibilità di Umberto, offre un’inedita interpretazione della società. Umberto, infatti, s’impadronisce del contesto, lo fa suo modificandolo secondo la propria sensibilità e lo ripropone trasformato in una differente visione, in un luogo interiore che vuole condividere con chiunque ascolta.

- Advertisement -

I fatti di cronaca raccontano episodi spietati ai quali molte volte assistiamo impotenti. Proprio in queste occasioni è doveroso reagire, opponendosi con forza e sentimento alla deriva di distruzione ed odio che il mondo sta prendendo. Ed è proprio in questo senso che le canzoni di Umberto Canino ci permettono di sperimentare la realtà con occhi nuovi. “Scrivo, canto e recito per raccontarvi un altro tipo d’amore, quello tra più persone, quello verso l’intera umanità” ha dichiarato l’autore.

Umberto Canino: autore di opere estremamente esemplificative e suggestive

Umberto è autore di opere estremamente esemplificative e suggestive, in grado di proporre spunti di riflessione anche alle coscienze più difficili. I suoi testi, la sua musica infatti, si contraddistinguono per la capacità di raccontare, con sentimento e senza retorica, storie di grande umanità e attualità.

- Advertisement -

Umberto cerca di raccontare i soprusi e le cattiverie non del Mondo, ma di quegli uomini che spesso rovinano le cose belle del Mondo, le persone belle del Mondo trasmettendo immagini che non lasciano indifferente nessuno, che arrivano con una violenza che rischia di essere quasi seducente. Con il racconto di storie di donne e uomini, Canino affronta tematiche universali come la guerra, le migrazioni, gli emarginati, i rifugiati, la ricerca di un riscatto e di una vita migliore.

Umberto Canino: la ninnananna di Stefania

!Stefania è un brano che mi ha colpito da subito, per il messaggio, la forza e l’auspicio di un mondo senza guerre. La Ninnananna di Stefania è quindi il mio modo di raccontare questa speranza. Ho riadattato il brano e l’ho fatto mio, poi in collaborazione con Tony Ciara lo abbiamo esaltato e sono felice di farlo ascoltare a tutti. La pace non si raggiunge mai con la guerra e in questo brano ho voluto rappresentare quello che più mi fa male: la distruzione di un’intera nazione e il dolore, la pena di una madre che attende il ritorno del figlio. Così paragono il paese all’abbraccio materno, alla forza incredibile delle madri di riconquistare e ricostruire il mondo. Il ritorno a casa e il ritorno dalla mamma diventano fondamentali per ripartire. È un brano rivolto a tutte le madri che soffrono per i figli che stanno in guerra” ha spiegato Canino.

Umberto Canino: Un messaggio contro le guerre

La canzone, con contaminazioni elettroniche, intermezzi trap e accenni dance, racconta della speranza di un domani migliore, della rinascita dalle macerie alla richiesta di un “cessate il fuoco” globale. Un messaggio contro tutte le guerre nel mondo, perché spesso sono gli innocenti a pagare. La figura della madre come metafora della lotta alla guerra, con forza e coraggio per ritrovare la pace. A completare il brano, la scelta del ritornello in lingua originale, per non snaturare l’intensità e la forza del messaggio. La Ninnananna di Stefania non rappresenta così una semplice cover ma un’attenta rielaborazione per un significato che va oltre, che abbatte i confini e che diventa essenziale per ognuno di noi.

Ninnananna di Stefania: il videoclip

Insieme al brano è disponibile anche il video, dove possiamo trovare una madre, che seduta sopra le macerie della propria casa, continua a ricucire la bandiera ucraina, sperando nel ritorno del figlio e nella fine della guerra. La regia del videoclip è dello stesso Umberto Canino, con l’aiuto di Salvo Foresta come aiuto regia (entrambi autori anche dello script del video) e con la Rossodisera Video e Ulderico Principe per la produzione. Mirko Danese, Giovanni Ragusi e Carmen Silion gli attori presenti.

La musica è strumento di pace contro le guerre e mezzo per la speranza di un mondo migliore. Il ritorno in grande stile di un cantautore raffinato, legato alla musica che, con questo nuovo brano, è riuscito a regalare nuove sensazioni e nuove emozioni. Artista libero, con lo sguardo fiero e con la mente al domani, senza paura e senza timori. Un uomo sensibile e profondo. Un rivoluzionario nel segno della pace.

Un brano dedicato a tutte le madri ucraine e un messaggio ai bambini

Un brano dedicato a tutte le madri ucraine, sperando che possano riabbracciare presto i loro figli ma che unge anche da messaggio da promulgare nelle scuole affinché i bambini si facciano promotori non più di guerre ma di pace.