La Polonia e il certificato per i vaccinati

Le opinioni sui certificati sono divise. Secondo un sondaggio condotto da IBRiS commissionato da Rzeczpospolita, il 47,5% degli intervistati sostengono l'idea di introdurre un passaporto per le persone vaccinate. È stato decisamente valutato male dal 24,7% dei soggetti

La certificazione delle persone vaccinate ha sicuramente uno scopo. Quale? Questo non è stato ancora rivelato dai funzionari del governo. Probabilmente perché l’idea di privilegi per i vaccinati non è ancora pronta. Inoltre, non sappiamo se l’iniziativa polacca sarà in qualche modo collegata alla strategia dell’UE.

L’idea di rilasciare certificati per le persone vaccinate è, ovviamente, molto controversa. Tenendo conto dell’attuale tasso di vaccinazione contro il Coronavirus in Polonia e del ritmo di consegna dei vaccini da parte dei produttori con cui l’Unione Europea ha concluso contratti per l’acquisto di vaccini, ci vorrà probabilmente più di un anno per vaccinare tutti i polacchi. Ciò significa che una parte molto ampia della società polacca può sentirsi esclusa da alcuni aspetti della vita quotidiana per un periodo di tempo piuttosto lungo. La questione più importante qui è il diritto alla libera circolazione.

- Advertisement -

Tuttavia, non sorprende che i governanti vogliano introdurre una tale soluzione. Le persone non vaccinate sono ancora a rischio di diffusione del Coronavirus, che l’anno scorso ci ha chiuso con successo in quarantena domestica. Le opinioni sui certificati sono divise. Secondo un sondaggio condotto da IBRiS commissionato da Rzeczpospolita, il 47,5% degli intervistati sostengono l’idea di introdurre un passaporto per le persone vaccinate. È stato decisamente valutato male dal 24,7% dei soggetti.

Per quanto riguarda le restrizioni che dovrebbero essere tolte, in primo luogo gli intervistati hanno più spesso menzionato la riapertura di hotel e ristoranti (49,3%). L’apertura di centri commerciali e istituzioni culturali e sportive sono state indicate dal 20% degli intervistati. Nessuno dei rappresentanti del governo ha sollevato la questione relativa all’emissione di certificati per i convalescenti, ovvero le persone che hanno contratto il Coronavirus e sono guarite.

- Advertisement -

Alcuni di loro hanno sicuramente acquisito l’immunità naturale al COVID-19 e dovrebbero essere in grado di ricevere un certificato simile a quello rilasciato alle persone vaccinate dopo aver superato con successo il test degli anticorpi. Sarebbe una soluzione abbastanza logica, ma non sappiamo se il Ministero della Salute polacco prenderà in considerazione questa opzione.

C’è anche la questione se il privilegio delle persone vaccinate sia in linea con la legge polacca. Senza l’introduzione dello stato di emergenza nel nostro paese, sarà piuttosto difficile introdurre la divisione in persone vaccinate e non vaccinate.

Francesca Angelica Ereddia
Francesca Angelica Ereddia
Classe 1990, Laureata in Giurisprudenza, siciliana, una passione per la scrittura, la musica e l'arte. Per aspera ad astra, dicevano. Io, nel frattempo, continuo a guardare le stelle.

Avetrana – Qui non è Hollywood

Disney+ ha diffuso il teaser trailer e il teaser poster della nuova serie originale italiana Avetrana – Qui non è Hollywood che sarà disponibile quest’autunno sulla piattaforma...