Verso Lazio-Juventus, le parole di Inzaghi e Allegri

Le dichiarazioni dei due allenatori alla vigilia della sfida dell'Olimpico

Lazio Juventus Inzaghi Allegri

La Lazio per riscattarsi dopo l’eliminazione in semifinale di Tim Cup ai calci di rigore per mano del Milan e per continuare la corsa Champions. La Juventus per non veder aumentare il distacco dal Napoli capolista. Saranno queste le principali motivazioni che avranno le due squadre, che domani, alle ore 18, si affronteranno allo stadio Olimpico. Lazio-Juventus sarà, come sempre, una sfida dai molteplici sapori e dal grande fascino. Lo sanno bene i due allenatori, Simone Inzaghi e Massimiliano Allegri.

Il tecnico dei biancocelesti è pronto all’ennesimo crocevia fondamentale per la stagione: “Domani servirà un’altra grande gara. La Juve è una grandissima squadra con un ottimo allenatore. Se non gioca Higuain, allora vorrà dire che giocherà Dybala. Questo fa capire le loro potenzialità.Cambiamenti rispetto a mercoledì? A parte Caceres, non abbiamo problemi muscolari. Avrò allenamento alle 16.30, valuterò oggi pomeriggio. Sono contento che ci sia la Juve, perché le energie fisiche si recuperano anche in base all’avversario. E la Juventus è la migliore d’Italia. Bianconeri interessati a me? Gli elogi mi fanno piacere, ma la Juve in questo momento ha il migliore allenatore italiano in circolazione, che è Allegri. Ha fatto grandi cose. Io sono alla Lazio da 18-20 anni, sono concentrato al massimo, abbiamo fatto 7 mesi straordinari, ne mancano altri 3 e dovremo farli nel migliore dei modi”.

Allegri, che dovrà rinunciare a Higuain, ma che ritroverà Dybala dal primo minuto, è ben conscio della forza della Lazio, che ha già battuto i bianconeri per due volte: “Loro sono cresciuti molto. Inzaghi ha fatto e sta facendo un ottimo lavoro. La Lazio squadra che ha fisico e tecnica. Meritano la posizione che hanno e giocarci contro è sempre difficile. Domani è una giornata dove le prime sei si scontrano tra di loro, quindi sarà un bel turno sotto il punto di vista calcistico e importante per tutte le squadre. La sfida con il Tottenham? Domani bisogna mettere in campo la migliore formazione e poi avremo quattro giorni per recuperare e per pensarci. Douglas Costa? Si tratta di un giocatore straordinario, secondo me anche sottovalutato per certi aspetti. Ha la capacità di saltare l’uomo e di creare superiorità numerica. Sta bene, sia fisicamente che mentalmente, e si è perfettamente integrato in squadra“.

Loading...
Potrebbero interessarti anche