Roma-Lazio: al via il piano derby sicuro

Il derby romano è offuscato dal timore di rappresaglie per possibili vendette tra le due curve e cori antisemiti

I precedenti che preoccupano sono il lancio di petardi (un tifoso durante Lazio-Roma ha perso un orecchio per questo), i continui cori di natura antisemita e l’accoltellamento avvenuto durante l’ultimo incontro in Coppa Italia.

Ci sono tutti gli ingredienti per far pensare a un’occasione di vendetta in occasione del derby Roma-Lazio di domani ore 18.

- Advertisement -

Le forze dell’ordine della Capitale hanno deciso di attivare il protocollo di sicurezza. Infatti, già da stasera verranno effettuati sopralluoghi a scopo di bonifica all’interno e anche all’esterno dello stadio dove si disputerà la partita.

Verranno setacciate anche le vie limitrofe all’impianto sportivo considerate zone “calde”: piazzale Clodio, viale della XVII Olimpiade, villaggio olimpico e Piazzale Maresciallo Giardino.

- Advertisement -

I percorsi di accesso allo stadio saranno rigorosamente separati, si vuole evitare qualunque occasione di avvicinamento tra romanisti e laziali. Sono stati preparati oltre un migliaio di agenti di polizia per sorvegliare la città, infatti, il problema sicurezza non riguarda solo l’ambiente stadio ma anche gli spostamenti delle rispettive tifoserie nel post partita. Pertanto, saranno controllati dalle forze dell’ordine anche pub e i vari locali notturni.

Spesso gli incontri sportivi come questo derby vengono utilizzati da estremisti anche per lanciare messaggi antisemiti oppure di natura politica.

- Advertisement -

Il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, e il Presidente del Coni, Giovanni Malagò, hanno dichiarato all’unisono che violenza e razzismo non hanno nulla a che vedere con lo sport e che è disarmante quanto dispiego di forze dell’ordine, d’altro canto necessario, richieda la “sorveglianza” delle tifoserie. E questo anche per evitare che eventuali episodi violenti vadano a nuocere alla maggior parte dei cittadini che vuole semplicemente godersi in serenità il suo derby cittadino.

Domani i cancelli apriranno alle 15:30 e si prevede un sold out con 64mila spettatori da gestire e sorvegliare all’interno dello stadio Olimpico.

Elisabetta Beretta
Elisabetta Beretta
Ho un diploma di Perito Aziendale e Corrispondente in lingue estere e un background da studio commercialista, dove ho lavorato per 27 anni in Italia occupandomi di dichiarazioni dei redditi, bilanci ed ero la responsabile finanziaria dello studio. Ma ho sempre amato scrivere. Nel 2021 ho cominciato a predisporre contenuti di vario genere come ghostwriter. Nel 2022 ho deciso di avere bisogno di un cambiamento radicale: mi sono licenziata e sono partita per l’Andalusia dove sono attualmente residente.