L’errore da non commettere mai ad un colloquio di lavoro

C'è un errore che porta il reclutatore a gettare la candidatura nel cestino. Vediamo qual è per evitare sbagli clamorosi

Il candidato ad un posto di lavoro deve arrivare al colloquio finale preparato. Si è allo step finale, quello che permetterà di capire se si è dentro o si è fuori. Il reclutatore avrà studiato il curriculum vitae in ogni minimo particolare e sarà pronto per porre le domande che gli permetteranno di selezionare la risorsa più indicata per il ruolo.

Commettere un errore è facile, l’ansia potrebbero portare a gestire male la situazione anche se non si è faccia a faccia con l’interlocutore ma in un colloquio virtuale. State tranquilli, prendete un bel respiro e segnate qual è lo sbaglio che proprio non verrà mai perdonato.

- Advertisement -

Addio al posto di lavoro se si commette un errore comune

Ai colloqui succede di tutto secondo il personale delle risorse umane. C’è chi si presenta accompagnato dalla mamma, chi preso dal panico non riesce a parlare e chi al contrario inizia a parlare a ruota non rendendosi conto di raccontare particolari non apprezzati dal reclutatore. Ma c’è uno sbaglio, quello che potremo chiamare l’errore supremo che non sarà mai perdonato, figlio dei tempi moderni.

Il candidato non sarà mai selezionato se usa l’intelligenza artificiale per rispondere alle domande dell’intervistatore. Purtroppo sembra capitare spesso durante i colloqui online, quando risulta facile inserire – non visti – le domande in un sito come Chat GPT e leggere la risposta automatizzata.

- Advertisement -

I reclutatori sono in grado di riconoscere l’uso dell’IA in un dialogo. Un esperto di risorse umane ha raccontato come ha riconosciuto il trucco usato da una signora semplicemente perché le risposte erano saggi senza alcun senso, che facevano riferimento alla parola chiave della domanda. Essere sé stessi e pensare con la propria testa, ecco come superare un colloquio di lavoro.

Valentina Trogu
Valentina Trogu
Web content writer, scrittrice e mediatrice familiare. Laureata in sociologia-analisi delle politiche sociali. Mi occupo della stesura di articoli toccando varie tematiche tra cui economia, salute, tecnologia. In questo modo posso coltivare la mia passione per la scrittura e cercare di rendere fruibili le informazioni ad un maggior numero di persone.