Locarno 72: “Wonders in the Suburbs (Merveilles à Montfermeil)” di Jeanne Balibar

Concorso Cineasti del Presente

Wonders in the Suburbs (Merveilles à Montfermeil) di Jeanne Balibar è stato presentato al Locarno Film Festival 2019. Una commedia francese prodotta da Film(s) e Vito Films, con un cast di qualità: Mathieu Amalric, Anthony Bajon, Jean-Quentin Chatelain, Francois Chattot, Alassane Diong, Valèrie Dréville, Jeanne Balibar, Florence Loiret Caille, Mounir Margoum, Denis Mpunga, Bulle Ogier, Marlène Saldana e con la partecipazione di Frank Castorf e Philippe Katerine.

Dopo una lunga separazione, Joëlle e Kamel finalmente divorziano, ma entrambi fanno parte dello staff di Emmanuelle Joly, il neo eletto sindaco di Montfermeil, una città alla periferia di Parigi. Il team del sindaco si mette al lavoro implementando le meraviglie che ha promesso sulla campagna elettorale: pisolini per tutti; colture sui tetti; assistenza sessuale in casa; armonizzazione della respirazione umana; Montfermeil International School of Languages, e così via. Ma i nemici pericolosi sabotano risolutamente queste belle politiche mentre Parigi pianifica la sua espansione e Madam Mayor scivola lentamente nella depressione.

Jeanne Balibar

La regista Jeanne Balibar è un’attrice francese, figlia del filosofo Étienne Balibar e della scienziata Françoise Dumesnil-Balibar. Ha studiato al Conservatoire Supérieur National d’Art Dramatique di Parigi. Dopo aver fatto parte della Comédie Française per un certo periodo, è stata diretta dai più grandi registi teatrali in Francia e all’estero. Ha anche lavorato con i più grandi registi: Pedro Costa, Pierre Léon, Pia Marais, Arnaud Desplechin, Bruno Podalydès, Laurence Ferreira Barbosa, Mathieu Amalric, Olivier Assayas, JeanClaude Biette, Benoît Jacquot, Jeanne Labrune, Raoul Ruiz, Jacques Rivette, Diane Kurys, Olivier Dahan, Pawel Pawlikowski. Grazie a questi ruoli, è stata nominata alla César Awards Academy quattro volte (1997, 1998, 2001 e 2009) prima di vincere il premio come migliore attrice nel 2018 per Barbara diretto da Mathieu Amalric, il migliore Premio per l’attrice al Salonicco Film Festival del 1997 e al San Sebastian Film Festival del 1998, nonché Premio per la migliore attrice al Buenos Aires Film Festival (BAFICI) nel 2009. Nel 2018 dirige il suo primo lungometraggio, Wonders in the Suburbs, in cui recita al fianco di Emmanuelle Béart, Ramzy Bedia e Mathieu Amalric.

“L’originalità del tono e la precisa capricciosità della scrittura e della regia suggeriscono che questo progetto è il frutto di un lungo processo di pensiero, un’idea che è stata coltivata e raffinata da tempo” – ci racconta la regista -“Infatti, l’idea originale del film risale al 2012, ma le origini risalgono ancora più indietro nel tempo. Verso la metà degli anni 2000, l’attore regista Rabah Ameur-Zaïmeche mi ha offerto una parte in un film che avrebbe girato in Algeria. Il titolo provvisorio era Bled Zero. Si doveva interpretare una prostituta di alta classe in un hotel a Costantina, ma quando sono arrivata, i creativi di Rabah avevano cambiato l’intera storia. Quindi il nuovo ruolo era un avvocato, Joelle, che ha una relazione amorosa con il suo personaggio, Kamel. Ho detto, certo, nessun problema. Adoro quando le cose cambiano in modo tangente e penso che le scene totalmente improvvisate che abbiamo girato nei dieci giorni seguenti siano state davvero straordinarie.

Verso la fine delle riprese, tuttavia, quando un giorno ci siamo lasciati a pranzo, ho condiviso con Rabah qualcosa che all’improvviso mi ha colpito con piena chiarezza: nonostante la straordinaria qualità di ciò che avevamo girato, il film non lo avrebbe accettato e Rabah non sarebbe riuscito a tagliare le scene nel suo film. O non credeva o non capiva quello che stavo dicendo, ma mi ha chiamato sei mesi dopo per dire che avevo ragione. Quello che abbiamo girato è stato molto forte, ma il film ha cambiato prospettiva e il titolo è stato cambiato in Bled Number One (Back Home). Un giorno, ho pensato di poter scrivere un film che riprendesse la storia di quei due personaggi. Rabah, ha contribuito all’ambientazione, perché la scelta di Montfermeil è legata a lui. È lì che ho fatto ricerche e seminari con la gente del posto.

Quali sono stati gli altri momenti decisivi nella concezione del film? La prima cosa che mi è venuta in mente è stata la tentazione di fare qualcosa di verosimile su una forma personale di musical. L’ho sempre immaginato come una commedia musicale, le cui canzoni sarebbero state lingue: lingue diverse, registri linguistici diversi: parlare di affari, gergo, poesia scolastica. Non è un musical nella forma standard. Una commedia fondata sul principio della musicalità. La mia mente è tornata molto anche a Lubitsch e The Shop Around the Corner, da cui ho tratto alcune traduzioni letterali. Non sono citazioni, ma interpretazioni. Mi piace il termine (e la pratica) della traduzione. Nella musica, ad esempio, ho tradotto molti standard jazz, principalmente per mio piacere. Mi piacciono le trasposizioni. Traduco senza tradurre. Mi adatto. E il processo mi commuove.

In realtà, la commedia risulta essere una commedia romantica che ruota attorno alla relazione del personaggio (Joelle) con Ramzy Bedia nei panni di Kamel. Questa era l’altra cosa in testa alla mia mente: la commedia matrimoniale, un classico sottogenere hollywoodiano che impiega sapientemente la coniugalità come un modo per approfondire questioni serie.”

Potrebbero interessarti anche

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here