Lopalco: “Occorre ripristinare fiducia in AstraZeneca”

"Il rischio di contrarre forme gravi del virus non è lontanamente paragonabile al rischio rarissimo di contrarre una tromboembolia"

Per Luigi Lopalco, adesso è essenziale ed indispensabile ripristinare la fiducia nei vaccini AstraZeneca. Afferma infatti l’esperto: “Il segnale di sicurezza emerso con il vaccino AstraZeneca potrebbe essere attribuito al semplice caso o ad una ‘clusterizzazione’ di casi legati allo stimolo immunologico ed infiammatorio causato normalmente dalla vaccinazione. EMA ha escluso si tratti di una associazione causale. Ora si farà fatica a ripristinare la fiducia verso questo vaccino. Bisogna fare leva sulla razionalità del cittadino”.

Poi parla di numeri, “I numeri parlano chiaro: il rischio di contrarre una forma grave di infezione da Covid non è neanche lontanamente paragonabile al rischio di andare incontro ad un evento tromboembolico come quelli segnalati in Germania e nei Paesi Scandinavi, che sono rarissimi. E bisogna sfatare il mito dei vaccini di serie A e serie B. Se questo evento è stato notato con il vaccino AstraZeneca e non con gli altri può esser facilmente legato al fatto che i due vaccini sono stati usati prevalentemente su popolazioni diverse: in Germania AstraZeneca aveva la limitazione ai 55 anni di età, mentre in UK è stato usato indistintamente dagli altri vaccini su tutti i gruppi di età”, dice l’assessore.

- Advertisement -

“Una volta vaccinati ultra 80enni e soggetti fragili, per cui esiste ancora un’indicazione del Ministero ad usare vaccini ad mRNA, quando finalmente arriveranno fantastilioni di dosi di vaccini, allora si somministrerà il vaccino che si trova nel frigo, senza distinzioni. Con la vicenda AstraZeneca abbiamo scritto un altro capitolo nella storia delle vaccinazioni. Una storia che insegneremo nelle aule delle università e da cui dobbiamo trarre insegnamento nella pratica vaccinale di tutti i giorni“, ha concluso.

Francesca Angelica Ereddia
Francesca Angelica Ereddia
Classe 1990, Laureata in Giurisprudenza, siciliana, una passione per la scrittura, la musica e l'arte. Per aspera ad astra, dicevano. Io, nel frattempo, continuo a guardare le stelle.