Milano: stop allo sciopero indetto dai vigili urbani per il prossimo 7 aprile

Il corpo dei vigili urbani di Milano aveva annunciato di scioperare il prossimo 7 aprile, scegliendo proprio la data in cui il capoluogo lombardo è interessato dalla famosa Milano Marathon

Il Comune di Milano e i sindacati si sono riuniti anche ieri, 2 aprile, e benché non si sia raggiunto per ora un accordo contrattuale soddisfacente per entrambe le parti, i “ghisa” milanesi hanno cancellato lo sciopero programmato per domenica 7 aprile.

Questa giornata, infatti, sarà particolarmente intensa dal punto di vista della gestione del traffico e della sicurezza all’interno del centro di Milano in quanto questa data coincide con l’ormai famoso appuntamento annuale della Milano Marathon.

- Advertisement -

Questo è l’ennesimo sciopero dei vigili urbani che viene bloccato negli ultimi mesi per ragioni analoghe, precisamente con tre differimenti e una precettazione.

La motivazione dei vigili urbani milanesi che sta alla base dell’intenzione di scioperare per “farsi sentire” è l’accordo, disatteso, che risale al 2002.

- Advertisement -

Oggetto di tale accordo è la quantità delle ore e la tipologia di turni in base all’età anagrafica del vigile e alla sua anzianità in servizio. Lo scopo era ridurre il numero di ore sula strada e anche diminuire la quantità dei turni di notte ai vigili che hanno raggiunto una determinata soglia di età nonché di anni di servizio prestato.

Il Sindaco di Milano, Beppe Sala, dal canto suo ha replicato anche sui social spiegando che la ragione dello stop a questo e anche agli scioperi precedentemente indetti è unicamente la volontà di garantire l’ordine e la sicurezza nella città di Milano. In particolar modo, in giornate delicate come il prossimo 7 aprile e in generale nelle ore notturne.

Elisabetta Beretta
Elisabetta Beretta
Ho un diploma di Perito Aziendale e Corrispondente in lingue estere e un background da studio commercialista, dove ho lavorato per 27 anni in Italia occupandomi di dichiarazioni dei redditi, bilanci ed ero la responsabile finanziaria dello studio. Ma ho sempre amato scrivere. Nel 2021 ho cominciato a predisporre contenuti di vario genere come ghostwriter. Nel 2022 ho deciso di avere bisogno di un cambiamento radicale: mi sono licenziata e sono partita per l’Andalusia dove sono attualmente residente.