Morto Amedeo Grisi, cantante malato di SLA. Tra i due duetti, anche uno con Baglioni

Morto di Sla a 49 anni Amedeo Grisi, aveva duettato con Baglioni

Dopo sette anni di lotta contro la Sla, si è spento a 49 anni il cantante Amedeo Grisi.

Lo scorso agosto, l’annuncio sui suoi social: “Preferisco smettere di respirare anziché avere un tubo in gola e altri nello stomaco, per sopravvivere chissà, magari ancora un paio di anni“.

- Advertisement -

Aggiungendo che: “A noi malati di Sla viene concesso di decidere se ‘andare avanti’ facendo una tracheotomia, che vorrebbe dire un tubo in gola e altri tubi nello stomaco per essere alimentato, inchiodato in un letto e con una aspettativa di vita di inferno di due anni. L’altra possibilità è quella di fermarsi e sottoporsi a eutanasia. Io ho scelto la seconda perché la prima non mi appartiene e perché il desiderio è quello di tornare a essere libero“.

Amedeo si scusò anche con le persone più sensibili per la durezza delle sue parole, dicendo anche: “Il mio tempo ormai è terminato. Sarà un mese, due, una settimana? Io sono pronto. Sono sicuro che per qualcuno, più di uno, non andrò mai via veramente. Il potere della musica e dell’amore ci rende immortali“.

- Advertisement -

La diagnosi della malattia arrivò nel luglio del 2015. Nel gennaio 2018, poté realizzare un suo grande sogno, quello di cantare con Claudio Baglioni. Grisi duettò con Baglioni nell’ex oratorio di Santa Brigida del centro storico di Sanremo.

Appena 9 mesi dopo, il cantante fu costretto ad annunciare che non avrebbe più fatto musica, perché l’avanzare della malattia non glielo avrebbe più permesso.

- Advertisement -

È un mese che ho dei seri problemi, non respiro più molto bene e non riesco a cantare. Da due anni ho smesso di suonare la chitarra, amata compagna di viaggio“, scrisse.

Grisi lascia la moglie Celine e due figli, Alice ed Andrea.

Francesca Angelica Ereddia
Francesca Angelica Ereddia
Classe 1990, Laureata in Giurisprudenza, siciliana, una passione per la scrittura, la musica e l'arte. Per aspera ad astra, dicevano. Io, nel frattempo, continuo a guardare le stelle.