Pensioni, soldi in meno negli assegni di gennaio, cosa fare?

La causa sarebbe un'errore tecnico dell'Inps

Alcuni pensionati hanno avuto un’amara sorpresa dopo aver scoperto che negli assegni di Dicembre 2019 e gennaio 2020 hanno avuto un ammanco. Tutto questo a causa di un errore tecnico dell’Inps. A dare la segnalazione è stato un’iscritto alla Spi Cgil dell’Umbria che si è subito attivata.

La segreteria regionale Spi Cgil coordinata da Ubaldina Santinelli ha spiegato “Abbiamo verificato che il problema ha riguardato un numero significativo di persone e ci siamo quindi rivolti all’Inca Cgil, il nostro patronato, per affrontare la questione e offrire assistenza a pensionate e pensionati“.

Ammanco pensioni gennaio 2020, cosa fare

Il direttore Cgil Umbria Roberto Panico ha dichiarato ” abbiamo riscontrato che chi aveva usufruito del cosiddetto ‘bonus Poletti’, nel ricalcolo effettuato dall’Istituto si è visto annullato il bonus del 2019, cosa che ha comportato un debito nei confronti dell’Inps, e si è visto disapplicare il bonus nel 2020, con conseguente diminuzione della pensione. Ora, l’Inps ha già riconosciuto l’errore e ha fatto sapere che provvederà a ricalcolare quanto prima tutte le pensioni. Tuttavia noi suggeriamo a chi avesse riscontrato queste anomalie di rivolgersi ai nostri uffici per segnalare il singolo caso alla sede territoriale dell’istituto e accelerare così la restituzione di quanto dovuto”.

Il fatto non riguarda solo l’Umbria ma anche altre regioni come L’Emilia Romagna. Ma sembrerebbe che l’errore riguarda solo decine di euro. Ha aggiunto il direttore “Se l’errore dovesse essere riscontrato anche nella pensione del prossimo mese allora i diretti interessati sono naturalmente invitati a rivolgersi agli uffici Inps per chiedere ulteriori spiegazioni. Tutto risolto dunque, o comunque tutto sarà risolto automaticamente a breve: nessun allarme.

L’Inps risponde

Sono oltre 100mila i cedolini delle pensioni contenenti errori con ammanco sugli assegni di gennaio.

L’Inps ha già provveduto a rassicurare i pensionati che hanno avuto meno soldi sulla loro pensione, difatti ha garantito un conguaglio nel mese di febbraio, così da restituire quanto trattenuto. Se il rimborso automatico non dovesse esserci, bisogna rivolgersi ad uno sportello Inps per fare presente l’ammanco e chiedere il rimborso agli operatori.