Pericolo pesticidi i soggetti più a rischio sono i bambini

Un recente studio dimostra come attualmente milioni di bambini vengono esposti continuamente a pesticidi altamente pericolosi per la loro salute

Studi recenti dimostrano come l’esposizione ai pesticidi, specialmente quelli contenenti clorpirifos, utilizzati per attaccare il sistema nervoso di un insetto possono essere altamente lesivi per lo sviluppo psicofisico di un bambino.

Il Clorpirifos, denominato anche come Chlorpyrifos o CPS, è un pesticida organofosfato utilizzato per uccidere i parassiti tra cui insetti e vermi. Viene impiegato su colture, animali ed edifici.

- Advertisement -

Lo studio condotto a livello nazionale sulla salute e nutrizione ha rilevato che il clorpirifos è presente nel 96% dei bambini oggetto dello studio. La professoressa della Rutgers School of Public Healt, nonché vice direttore dell’Istituto di scienze della salute ambientale e occupazionale, Nancy Fiedler sta studiando come l’esposizione ai pesticidi influisce sui feti durante la gravidanza.

Secondo le sue ricerche non si sa precisamente quando i bambini siano più vulnerabili. Non c’è dubbio però che la maggior parte dei bimbi che abitano in zone dove vengono spruzzati pesticidi sono più a rischio rispetto a chi vive in città non altamente esposte.

- Advertisement -

Chi è maggiormente a rischio di esposizione clorpirifos

I soggetti più deboli sono sicuramente i feti e bambini. Essi non hanno la stessa capacità di disintossicare i prodotti chimici come gli adulti. Se una madre incinta dovesse ingerire una sostanza chimica essa potrebbe tranquillamente attraversare la placenta e infettare il piccolo.

Questo è particolarmente pericoloso per quelle donne gestanti che lavorano in agricoltura. Se non si vuol correre il rischio, è necessario astenersi da questi tipi di lavoro appena si ha la notizia di essere in stato di gravidanza. Se i bambini dovessero essere infettati dal clorpirifos corrono notevoli rischi come ritardi mentali, minore intelligenza e basso peso alla nascita.

- Advertisement -

Questi rischi potrebbero insorgere anche nei bambini durante i loro primi anni di infanzia, anch’essi rischiano una riduzione notevole delle capacità cognitive.

Come si può ridurre il rischio di esposizione  al clorpirifos

Le famiglie che abitano in appartamenti o in località dove vengono solitamente spruzzati pesticidi possono chiedere innanzitutto quali prodotti vengono utilizzati. Normalmente chi utilizza pesticidi assicura che è possibile entrare in casa o nel luogo dove è stato applicato poche ore dopo.

Molte volte non è così, ed è consigliabile infatti far passare almeno 24 ore dall’utilizzo. Anche la pulizia degli alimenti in questi casi è un aspetto fondamentale, chi abita in zone dove spesso vengono usati tali sostanze è consigliabile lavare accuratamente fruttaverdura esposta.

Attualmente Il chlorpirifos è tra i 15 pesticidi più utilizzati negli alimenti non trasformati in vendita nell’Unione europea. Tra gli Stati che lo utilizzano di più troviamo la Spagna e la Polonia.

Leggi anche:Obesità infantile: studio rivela diversità di struttura tra il cervello dei bambini obesi e quelli normopeso