A Quiet Place, il suono della paura

In un mondo in cui il rumore può essere mortale, John Krasinski sa muoversi con intelligente raffinatezza.

In una fattoria isolata, la famiglia Abbott è costretta a vivere nel silenzio per non essere scoperta da misteriose creature che minacciano la loro sopravvivenza.

Il rumore, anche il più impercettibile può essere fatale, poiché le presenze sconosciute seguono solo il suono e attaccano a qualsiasi fragore. Gli Abbott sopravvivono sfruttando il linguaggio dei segni e si sforzano di rimanere al sicuro in uno scenario post-apocalittico che percuote silenziosamente i nervi.

A Quiet Place è un dramma di suspense, un thriller-horror moderno incredibilmente scorrevole e intelligente diretto e interpretato da John Krasinski e dalla moglie Emily Blunt. In un mondo dominato dal frastuono, Krasinski riesce a plasmare in maniera egregia un piccolo gioiello narrato quasi senza dialoghi, basandosi unicamente su una raffinata rappresentazione visiva.

Loading...

A Quiet Place, quando il rumore uccide

Ogni scena è stata concepita con la massima cura, bilanciando perfettamente paure ed emotività. Lo spettatore diventa partecipante attivo e a sua volta costretto al silenzio in un crescendo di tensione che logora i nervi sequenza dopo sequenza.

Il commovente quadro famigliare trova un punto di forza nella indiscutibile affinità del cast compatto e convincente, sorretto da una sublime storyline che non risulta mai banale.

A Quiet Place può essere considerato un cinema di genere appassionante, un glorioso appello ai sensi che dimostra che è ancora possibile fare ottimi film senza che l’essenza e la geniale semplicità dell’idea originale si perdano per strada.

Potrebbero interessarti anche