Raoul Bova: “Il momento giusto per sposare Rocìo? Arriverà!”

RAOUL BOVA: ” CREDO NELLA FAMIGLIA NON TRADIZIONALE”

Raoul Bova è soddisfatto della sua vita, fino a questo momento non può non essere contento di quello che ha fatto sia dal punto di vista professionale che privato. Attualmente convive con Rocìo Morales da cui ha avuto due bambine Luna e Alma e ha un bel rapporto anche con i figli Alessandro e Francesco, avuti dal precedente matrimonio con Chiara Giordano, con cui si confida e parla delle sue esperienze. L’attore ha parlato al settimanale F della sua nuova maturità, è prossimo a compiere 50 e questo dato non è indifferente, è un’età in cui occorre fare qualche bilancio:” Anche se non esiste un’età specifica in cui diventi più maturo, quando ti avvicini ai 50 anni perdi meno tempo.

La vita spesso ti toglie tanto ma non puoi permetterle di levarti la spensieratezza e soprattutto la curiosità. Trovo molto saggio riuscire a vivere sempre con la stessa onestà che si aveva a 15 anni.” Bova è molto attaccata alla famiglia anche se la considera non in modo tradizionale ma in senso più ampio e non potrebbe essere altrimenti visto che si divide tra due adolescenti e due bambine piccole.

- Advertisement -

RAOUL BOVA: ” CREDO NELLA FAMIGLIA NON TRADIZIONALE”

Raoul Bova crede nell’amore, nei sentimenti si è innamorato di Rocìo perchè è una donna determinata, va avanti per la sua strada e poco le importa dei giudizi degli altri:” Parla con i fatti, non vuole convincere la gente a vederla in un certo modo, né giudica o si cura del giudizio altrui. È forte di quello in cui crede e di quello che siamo noi.” Aggiunge anche che è pronto a sposarla ma solo quando arriverà il momento giusto. Infine parla dell’amore, di come è cambiato crescendo, come ha capito che alcuni angoli andavano smussati per andare d’accordo, per lui occorre mostrarsi come si è veramente per amare senza se e senza ma:” Con l’età cambi, smussi gli angoli del carattere e diventi più rilassato, abbassi la guardia e permetti a chi ami di vederti senza sovrastrutture e di guardarti al di là della gelosia o della permalosità.