Sardegna: rapinatori vestiti da paramilitari attaccano portavalori

Il colpo in provincia di Sassari

L’assalto è avvenuto in provincia di Sassari, dove otto rapinatori armati fino ai denti hanno assaltato un portavalori sulla trafficatissima statale 131. Un assalto portato avanti con tattiche da guerriglia.

I rapinatori hanno interrotto la trafficatissima «Carlo Felice», la statale a quattro corsie che collega Sassari e Cagliari. La strada è stata interrotta con una catena e chiodi sparsi sull’asfalto. Due rapinatori incappucciati e in divisa mimetica si sono fatti avanti armi in pugno verso un furgone autocompattatore per rifiuti e hanno fatto scendere l’autista, disposto il mezzo per traverso e gli hanno dato fuoco.

- Advertisement -

Poco dopo sono arrivati i blindati portavalori della Vigilpol e si è scatenato l’inferno. Colpi di arma da fuoco fucili, colpi di pistole e Kalashnikov ad altezza d’uomo e in aria, automobilisti terrorizzati, vigilantes fatti scendere dai blindati. Le persone presenti nel supermercato hanno visto tutto e immediatamente hanno telefonato a polizia e carabinieri.

Poco dopo sono giunte sul posto tre pattuglie della polizia coadiuvate da un elicottero che si sono messe sulle tracce dei banditi, intercettandoli. I rapinatori si sono trovati nel mezzo ed è iniziato uno scontro a fuoco.

- Advertisement -

Alcuni banditi sono fuggiti grazie a dei complici e il bottino potrebbe essere ingente. Ferita una guardia giurata mentre un collega è grave a causa del tamponamento subito dal portavalori nella dinamica della rapina.