Scompenso cardiaco. Al primo posto tra le malattie del cuore in Italia

Lo scompenso cardiaco è la prima causa di mortalità per soggetti affetti da problemi al cuore. Lo dice un recente sondaggio.

Scompenso cardiaco. Al primo posto tra le malattie del cuore in Italia

I problemi al cuore degli italiani

Sembra proprio che gran parte degli italiani che accusano problemi di tipo cardiaco debbano fare i conti con uno scompenso.

Definita infatti come prima causa di mortalità per soggetti affetti da patologie al cuore, lo scompenso cardiaco sembra colpire l’1.7% del totale della popolazione per circa 190.000 ospedalizzazioni annue.

Lo dice lo studio offerto dalla campagna “Ogni cuore conta. Soprattutto il Tuo” che rilascia questi dati al termine della tappa avvenuta nella capitale italiane.

Scompenso cardiaco in Italia

Sembrerebbe proprio, analizzando i dati forniti, che l’incidenza di scompensi cardiaci sia strettamente legata all’avanzare dell’età.

Colpisce meno dell’1% dei pazienti di età inferiore ai 60 anni d’età e arriva a superare una casistica del 20% attorno al raggiungimento degli 80 anni.

Pare inoltre che abbaia anche uno stretto legame con la patologia del diabete e che l’una possa causare e complicare l’altra.

Il progetto

L’iniziativa prevede una campagna preventiva massiccia, in quanto, come dicono i medici, prendere la patologia per tempo è la migliore strategia possibile.

Si sviluppa infatti su diversi punti di incontro tra medici e pubblico dove vengono forniti controlli gratuiti e consigli su salute e prevenzione.

Come sempre, aggiungono gli specialisti e i medici dell’associazione, una corretta alimentazione e uno stile di vita sano sono le basi per cercare di prevenire l’insorgere del fenomeno.

Essendo però strettamente legato alla genetica, un controllo regolare a livello medico, soprattutto raggiunte una certa età, è sempre consigliato caldamente.